Pannelli fotovoltaici domestici: i permessi non servono più

Davide Bernasconi
  • Dott. in Economia e Commercio

Novità 2022 per chi vuole installare pannelli fotovoltaici domestici: stop alla burocrazia. Perchè i permessi non servono più: il passaggio normativo.

Pannelli fotovoltaici domestici: i permessi non servono più

L’esigenza di rendere sempre più indipendente le abitazioni dalle forme di riscaldamento ed illuminazione tradizionali sta spingendo i consumatori a modificare le proprie abitudini andando alla ricerca delle innovazioni.

Ed il Governo Italiano sta venendo incontro con una serie di agevolazioni fiscali e finanziarie oltre che a semplificazioni normative.

L’attenzione del legislatore questa volta ha puntato sugli impianti fotovoltaici domestici : il decreto bollette, pubblicato il 1° marzo in Gazzetta Ufficiale ha al suo interno un fondamentale articolo che prevede permessi più veloci e semplici per favorire il passaggio a tecnologie moderne.

Il passaggio tecnico consiste in una parola ma è un passo verso il futuro immediato: l’installazione di un impianto solare viene equiparata alla manutenzione ordinaria, quindi come si trattasse di un intervento domestico di poco conto che non richiede permessi e la compilazione di formulari complessi.

La relazione illustrativa che accompagna il decreto che verrà presentato in aula il  prossimo 28 marzo 2022 semplicemente recita così:

L’installazione, con qualunque modalità, di impianti solari fotovoltaici e termici sugli edifici o su strutture e manufatti fuori terra diversi dagli edifici non è subordinata all’acquisizione di permessi, autorizzazioni o atti amministrativi di assenso comunque denominati.

Una volta approvato, sarà necessario unicamente scaricare un modulo on line dal sito del Gse (gestore servizi energetici) oppure da quello del ministero dello Sviluppo economico, e, una volta compilato, spedirlo allo stesso gestore a inizio lavori e alla loro conclusione.

Unico vincolo ancora attivo, essendo l’Italia una nazione con una capillare presenza di palazzi ed opere ad alto storico e culturale, per chi intende installare impianti in aree o immobili vincolati rimane necessaria la richiesta ed ottenimento del nullaosta paesaggistico.

Impianto fotovoltaico: stop al caro energia

Indirizzarsi verso l’impianto fotovoltaico domestico si rivela una scelta non di poco conto, perché il risparmio è assicurato, con un budget di spesa che si alleggerisce notevolmente.  Secondo uno studio sul mercato italiano, effettuato dal Solar Index Italy, è possibile avere un risparmio medio annuo di circa €1.500 rispetto al tradizionale prelievo di energia elettrica dalla rete.