Luci d’emergenza in Condominio: quando obbligatorie?

Autore:
Carabelli Ennio
  • Esperto legale

Luci d’emergenza in Condominio: sono obbligatorie? Ecco cosa prescrive la normativa in materia.

Installazione delle luci d’emergenza in Condominio: ecco quando è obbligatorio
Autore: Life-Of-Pix / Pixabay

Blackout improvvisi sono all’ordine del giorno: nel corso degli stessi ci si può trovare in un ascensore, ad attraversare una parte comune del Condominio di per sè poco illuminata ovvero ad affrontare le scale per il passaggio al pianerottolo ove si trova la propria abitazione.

L’improvvisa mancanza di luce può costituire un pericolo per l’incolumità proprio o di terzi. Ed allora si rende necessaria, per far fronte a tali imprevisti, l’installazione di luci d’emergenza che, costituiscono dei dispositivi di sicurezza, ormai, obbligatori negli esercizi commerciali, ospedali, scuole o nei luoghi pubblici.

E nei condomini, l’installazione delle luci d’emergenza è obbligatoria?

Luci d’emergenza in Condominio: sono obbligatorie?

Installazione delle luci d’emergenza in Condominio: ecco quando è obbligatorio
Autore: Ben_Kerckx / Pixabay

La legge sul punto non dispone alcunché in merito all’obbligatorietà delle luci d’emergenza da apporre nel condominio.

Eppure, nell’edificio comune vi sono spazi o vie di fuga che dovrebbero essere illuminati per garantire la sicurezza e l’incolumità delle persone nei casi di abbassamenti di tensione o blackout totali.

Ebbene, sul punto, è lecito affermare che non sussistano normative disciplinanti la materia eccezion fatta la normativa Uni-En 81 da applicare negli edifici in cui sia stato installato un ascensore.

Leggi anche Cassaforte in casa

In tal caso, infatti, l’illuminazione, artificiale o naturale, dev’essere non inferiore a 50 lux in grado di assicurare all’utente la visibilità ogni qualvolta apra la porta del piano per entrare in cantina, anche qualora manca la luce nella stessa.

Altra normativa da applicare o a cui fare riferimento è il decreto ministeriale 246/87, per il quale, le luci d’emergenza devono considerarsi obbligatorie in tutti gli edifici che abbiano un’altezza antincendio superiore a 32 metri.

La luce d’emergenza può essere alimentata con sistema autonomo o centralizzato e deve durare per tutto il tempo necessario a sfollare un edificio rimasto privo di energia elettrica. L’installazione delle luci di sicurezza sono consigliabili anche per gli edifici che abbiano un’altezza compresa tra i 24 ed i 32 metri. Tali disposizioni sono fatte valere dall’amministratore.

Le luci d’emergenza installate in un Condominio sono gestite attraverso un sistema domotico che ne consente l’accensione al passaggio delle persone nei luoghi interessati dall’irradiazione del fascio di luce.

Molto funzionali risultano essere le luci a parete inserite in placche o il generatore di corrente elettrica utile a consentire la funzionalità delle luci e degli altri apparecchi elettrici.