Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi

Coloratissime, in materiali belli da vedere e toccare, sono tutte comode e divertenti, perfette come idee regalo per Natale un po’ fuori dal comune. Le sedute per i più piccoli seducono anche i più grandi.

Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
Panton Junior di Vitra

Fra i complementi d’arredo che non possono mancare in una cameretta ci sono le sedute. Sedioline, poltroncine, sgabelli aiutano noi grandi a organizzare gli spazi e divertono i più piccoli. Grazie alle soluzioni design attuali, infatti, garantiscono durevolezza e praticità senza rinunciare a una forte componente di allegria e giocosità. Pianeta Design propone una selezione di modelli che può tornare utile, perché no?, anche nell’ottica di un presente natalizio.

La sedia N65 e lo sgabello NE60 di Artek

Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
La sedia N65 di Artek disegnata da Alvar Aalto
Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
Lo sgabello NE60 di Artek disegnato da Alvar Aalto

Portano entrambi la firma di Alvar Aalto le due sedute di Artek che accompagnano i bambini da quasi un secolo. N65 è infatti del 1935, mentre NE60 è del 1934. Linee pulite, strutture semplici e impilabili caratterizzano questi due pezzi storici del design.

N65 ha uno schienale basso rettangolare formato da un unico pezzo di multistrato di betulla, mentre le gambe di NE60 sono montate direttamente sul lato inferiore del sedile rotondo, senza la necessità di complicati elementi di collegamento.

Per gli amanti della semplicità e della qualità.

Elephant e Sheep di EO

Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
Elephant disegnata da Marc Venot per EO
Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
Sheep disegnata da Takeshi Sawada per EO

Quando il design incontra ottimismo ed energia nascono prodotti come quelli firmati EO, che collabora con designer indipendenti provenienti da tutto il mondo.

Per esempio, la sediolina Elephant disegnata da Marc Venot coniuga la sua forma divertente, che incoraggia i bambini a farne un uso spensierato, con una realizzazione tecnica impeccabile, che piace tanto ai genitori.

Allo stesso modo Sheep, realizzata da Takeshi Sawada, ispira subito la voglia di trattarla come un giocattolo. L’esperienza precedente di Sawada nel mondo dell’abbigliamento ha influenzato la sua capacità di rendere gli oggetti piacevolmente tattili attraverso l’uso accorto di certi materiali.

Panca Malaga di Maison du Mond

Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
Panca Malaga di Maison du Mond

Ispirazioni naturali, tocchi pop e vibrazioni bohémien. Sono questi gli elementi che Maison du Mond mescola per creare le nuove collezioni kids da scegliere per le camere dei più piccoli, ma che possono stare bene anche in altri spazi della casa.

Il rattan ben si adatta a interpretare uno stile neo vintage dalle linee morbide e accomodanti, mentre un pizzico di esotismo arriva dall’uso di tecniche di realizzazione prese a prestito da mondi lontani. Stampe animalier e fibre naturali ci avvolgono in un’atmosfera da viaggio, insieme a tappeti, cuscini, sedute basse.

Per esempio, la panca Malaga permette ai piccoli di sedersi comodamente su cuscini, portando con loro compagni di gioco, che siano di fantasia o reali.

Snow Jr di Pedrali

Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
Snow Jr di Pedrali

Pensata per l’esterno, la seduta Snow di Pedrali è perfetta anche per gli interni quando si hanno esigenze di praticità come per esempio nella cameretta dei bambini.

Esiste infatti la versione Snow Jr, più piccolina, ma altrettanto performante. Leggera, impilabile, facilmente lavabile, è realizzata in polipropilene caricato con fibre di vetro e stampata a iniezione mediante l’utilizzo della tecnologia gas air moulding, che la rende solida e al tempo stesso leggera.

Su design di Odo Fioravanti, è una seduta giocosa ma resistente, disponibile in diversi colori vivaci che fanno venire voglia di collezionarli tutti.

Bilou Bilou e Gacy di Promemoria

Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
Bilou Bilou disegnata da Romeo Sozzi per Promemoria
Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
Gacy disegnata da Romeo Sozzi per Promemoria

Romeo Sozzi disegna per Promemoria due chicche. Bilou Bilou è una sedia da pranzo, fatta proprio come quelle dei grandi, ma su misura per essere usata dai piccoli. Ha colori sgargianti (bianco, blu, azzurro, verde, verde acido, rosso e arancione) per tessuti elastici lavabili.

La struttura è disponibile con seduta in faggio, in tessuto o pelle, può essere rivestita in velluto o pelle nappa, così da presentarsi morbida e accogliente. Super confortevole è anche la piccola poltrona Gacy, con base in faggio in finitura semilucido in diversi colori e rivestimento in tessuto elastico lavabile.

Persino regale nella sua versione con pouf, questa poltroncina è una comoda coccola che invita allla lettura o al riposino pomeridiano.

Little Queen of Love di Slide

Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
Little Queen of Love di Slide

Queen of Love, a firma Moro e Pigatti,  è il primo pezzo e il più conosciuto della collezione Design of Love del brand. In stile tipicamente barocco, questo trono dei giorni nostri rivela tutta la sua contemporaneità nel polietilene con cui è realizzato, che lo colloca a suo agio sia in esterno sia in interno.

La versione per i più piccoli Little Queen Of Love, identica all’originale ma solo di dimensioni ridotte, può diventare un regalo di Natale particolare e divertente. Dal carattere protagonista e resistente, sorprende anche per i colori inconsueti.

In pieno rispetto della parità di genere, c’è il pouf Little Prince of Love da abbinare per ottenere una seduta davvero esclusiva, eventualmente in colore a contrasto.

Panton Junior e Eames Elephant di Vitra

Le sedute per bambini che piacciono anche ai grandi
Panton Junior e Eames Elephant di Vitra

I miti del design rimangono tali anche quando si riducono di scala per entrare nel mondo dei bimbi. Identica all’originale in termini di materiale e di forma, la Panton Junior è di dimensioni ridotte di circa il 25% rispetto alla seduta normale.

La sua comodità nasce dal mix tra una struttura a sbalzo e il materiale leggermente flessibile, ovvero plastica durevole tinta in massa con una finitura opaca satinata. Leggera, impilabile, disponibile in numerosi colori, è un pezzo della storia del design che non perde smalto.

Di notevole peso specifico, in senso figurato, anche la Eames Elephant, la sedia a forma di elefantino progettata nel 1945 da Charles e Ray Eames. Dall’aspetto amichevole e giocoso, svolge splendidamente la funzione di seduta, ma può anche essere utilizzata come giocattolo. Oppure, perchè no? nella sua versione in legno multistrato, porta una nota esotica a un living eclettico.

Piccole grandi sedute: foto e immagini