Passare da 3 a 4,5 kW fino a 6 kW


Come fare per passare da 3 a 4,5 kW fino a 6 kW. Quanto costa aumentare la potenza? Costi unici da sostenere. Come conoscere la potenza del contatore. Come fare per rivolgersi all’azienda dell’energia elettrica.

contatore-energia-elettrica

Passare da un’utenza domestica di energia elettrica a 3 Kw a potenze superiori come 4,5 oppure 6Kw è un’operazione possibile e semplice in conseguenza della riforma tariffaria 2017 che ha eliminato la progressività e la distinzione fra clienti domestici e non.


Quanto costa aumentare la potenza?

casa-famiglia

Come detto, a partire dal 1° gennaio 2017, il cliente domestico può scegliere scaglioni di potenza adeguati ai consumi personali, chiedendo aumenti che procedono a scatti di 0,5 kW per le fasce domestiche.

In concreto, ciascun cliente può scegliere di passare da un livello di 3 kW a 3,5 kW, oppure a 4 kW fino a 6 kW.

Attualmente la maggior parte delle famiglie italiane ha un profilo di contatore pari a 3 kW.

Costi unici

multa-soldi

Importante è capire quanto costa effettuare il passaggio dai canonici 3 kW a potenze superiori come 4 kW, 5 kW e 6 kW.

Un elenco permette di comprendere meglio le differenze:

  • contributo fisso distributore : € 0 (prima era €26,48)
  • contributo in potenza per ogni kW di incremento fino a 6 kW: €55 (prima era €69,57)
  • diritto fisso del venditore: €23 (come prima)

Ai suddetti prezzi bisogna aggiungere l’iva al 10%.

Per valutare la convenienza del passaggio ad una potenza maggiore, occorre sapere che il contributo fisso del distributore sarà pari a zero euro fino al 31 marzo 2019.

domotica-casaInvece, per quanto riguarda le utenze domestiche, sempre con validità fino al 31 marzo 2019, il contributo è stato ridotto a €55 purché si chieda un aumento di potenza non superiore a 6 kW.

Da sottolineare che il contributo non dovrà essere pagato qualora l’aumento venga richiesto dopo aver precedentemente effettuato una diminuzione di potenza, ovvero per ripristinare il livello di potenza precedente.

Come conoscere la potenza in kW

contatore-energia-elettrica-casaLa potenza del contatore è uno degli elementi fondamentali della fornitura di energia elettrica.

Si misura in chilowatt (kW) ed il dato viene riportato in bolletta, nella sezione Tipologia di contratto oppure Dati di fornitura.

E’ fondamentale dunque avere un’idea della potenza necessaria per l’appartamento dove si risiede.

piscina-esterna-idroIndicativamente si può dire che:

  • Piccole abitazioni prive degli elettrodomestici comuni: ad esempio rustico con solo frigorifero e illuminazione:  1,5 kW
  • Abitazione di circa 100 m² con 3-4 persone, con gli elettrodomestici fondamentali: 3 kW
  • Abitazione dotata di condizionatori, congelatore, scaldabagno, etc: 4,5 kW
  • Appartamento di grande dimensioni con apparecchiature elettriche di base più asciugatrice, cucina elettrica, pompa di calore: 6 kW
  • Villetta o villa con apparecchiature elettriche specifiche, in presenza di piscine riscaldate: più di 6 kW

Come cambiare la potenza del contatore?

impianto-elettrico-wireless

Nel caso si desideri provvedere ad un cambio di potenza del contatore, è necessario inviare la richiesta al proprio fornitore di energia elettrica.

Per alcune aziende è possibile farlo tramite il sito internet ufficiale, per altri invece occorre contattare il servizio clienti.

L’operazione non prevede nessun intervento di tecnici qualificati o la modifica all’impianto: le operazioni vengono gestite direttamente dalla compagnia energetica tramite la sua centrale elettrica.

Davide Bernasconi
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger

Google News

Vuoi essere aggiornato sulle ultime tendenze?

Accedi gratuitamente ai nostri video e guide sul fai da te, promozioni e sconti.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta