Montacarichi per disabili: come scegliere, prezzi e normativa

Alessandro Mancuso
  • Autore specializzato in Design

Installare un montacarichi per le persone disabili: i criteri di scelta, le tipologie disponibili in commercio, i prezzi di vendita, la normativa e le agevolazioni.

Montacarichi per disabili: come scegliere, prezzi e normativa

Se non può essere montato un ascensore, per superare le barriere architettoniche negli edifici e consentire alle persone disabili di muoversi in maniera indipendente, la soluzione è installare un montacarichi.

Un intervento essenziale per agevolare il loro spostamento tra i piani dello stabile.

La normativa italiana già prevede, per la costruzione di nuovi edifici, un’opportuna predisposizione che sia in grado di facilitare i movimenti dei disabili.

In questa nostra guida scopriamo cos’è e come scegliere il montacarichi per persone disabili, quali sono i prezzi, le tipologie e le agevolazioni fiscali.

Montacarichi per disabili cos’è

Montacarichi per disabili: come scegliere, prezzi e normativa

Il montacarichi è un sistema elevatore per disabili, per aiutarli a spostarsi tra due o più piani di qualsiasi edificio, che sia la propria casa, il condominio o il posto di lavoro.

Generalmente è formato da una piattaforma o una poltroncina, a sua volta agganciata ad una guida, da installare all’interno o all’esterno.

Un macchinario posto allo stesso livello della sedia rotelle, consentendo al disabile la salita e la discesa senza alcuna fatica.

Sul mercato sono disponibili molteplici tipi di montacarichi, installabili sia negli edifici pubblici che privati.

Montacarichi per disabili come scegliere

Montacarichi per disabili: come scegliere, prezzi e normativa

Nella scelta di un montacarichi per disabili è fondamentale comprendere quale modello sia il più adatto. A tal riguardo è necessario individuare alcuni fattori, mettendone in risalto la solidità della struttura e la notevole resistenza, essenziali per garantire la sicurezza del dispositivo.

Nello specifico, bisogna osservare che sia:

  • equipaggiato con un binario resistente, da installare lungo la parete e in grado di garantirne la massima solidità;
  • dotato di barre di sicurezza per ancorare la carrozzina e la persona disabile. Si prediligono i modelli ripiegabili e non fissi, per rendere più agevole il passaggio;
  • munito di sensori di prossimità, ovvero dispositivi che consentono al montacarichi di fermarsi in totale sicurezza;
  • provvisto di telecomando, per permettere al disabile di gestire l’impianto ed eventuali malfunzionamenti con immediatezza e semplicità;
  • fornito di batterie d’emergenza, per consentire il corretto funzionamento del montacarichi in caso dovesse mancare la corrente. È vitale, nell’eventualità di un black out, disporre di un sistema di energia alternativa.

Montacarichi tipologie e caratteristiche

Montacarichi per disabili: come scegliere, prezzi e normativa

Potrebbe interessarti Casa senza barriere

Il montacarichi (o montascale) è un sistema che permette di muoversi lungo la rampa di scale. Può essere acquistato a poltroncina o a pedana. Il primo è indicato per soggetti che presentano lievi difficoltà nelle attività motorie, come gli anziani. Una soluzione comoda, per accedere ai piani superiori e inferiori in totale comfort.

Il montacarichi a pedana è invece utilizzato per le persone su sedia a rotelle. L’impianto consente di spostarsi in modo agevole e senza oscillazioni, qualsiasi sia la pendenza della scala. Entrambi i tipi possono essere rettilinei, curvilinei, per interni o esterni.

Secondo la normativa vigente, il montacarichi per disabili sostituisce l’ascensore se quest’ultimo non può essere installato. La legge stabilisce che il dislivello non deve però superare i 4 metri, altrimenti non si potrà procedere al suo montaggio.

Sul servoscala e sul piano dovranno essere sistemati i comandi, azionabili con facilità per salire o scendere. È solitamente prevista la dotazione di un sistema di protezione, per evitare un azionamento accidentale.

Montacarichi per disabile prezzo

Montacarichi per disabili: come scegliere, prezzi e normativa

Quanto costa un montacarichi per disabili? Per rispondere correttamente a questa domanda e non commettere errori durante la fase d’acquisto, è necessario esaminare preventivamente una serie di elementi che riportiamo di seguito:

  • Tipo di vano
  • Installazione interna o esterna
  • Capienza
  • Numero fermate
  • Materiali

Per una giusta analisi di cosa conviene fare, è opportuno un sopralluogo di un tecnico specializzato, in grado di fornire una valutazione tecnica, anche in base alle esigenze di chi userà il montacarichi. Il professionista sarà inoltre chiamato ad esaminare le caratteristiche dell’abitazione, per consigliare la scelta più idonea.

Facciamo un esempio per un montacarichi per persone disabili interno all’abitazione, a due piani con vano in muratura. In linea di massima la spesa sarà all’incirca la seguente:

  • Costo d’installazione: 2200 euro.
  • Prezzo del vano in muratura: 1.800 euro.
  • Capienza fino a 2 persone: 800 euro.
  • Due fermate: 800 euro.
  • Finiture: 400 euro.

Un costo medio circa di 6.000 euro. Si tratta di prezzi soggetti a variazioni se apportate successivamente altre modifiche al preventivo, come ad esempio accrescere la capienza a più di due persone, personalizzare i colori, scegliere finiture più pregiate, collegare più piani.

Occorre sottolineare che sono previste una serie di agevolazioni fiscali che abbattono di molto i costi. Scopriamo tutti i dettagli nel prossimo paragrafo.

Montascale agevolazioni fiscali

Montacarichi per disabili: come scegliere, prezzi e normativa

La legge di Bilancio 2022 ha confermato una serie di agevolazioni fiscali per favorire il superamento delle barriere architettoniche.

  • detrazione IRPEF 19% per le spese sanitarie relative ai mezzi necessari al sollevamento della persona disabile o non in grado di deambulare.
  • detrazione IRPEF 50% nel caso di ristrutturazioni edilizie (sino ad una spesa massima di 96.000 euro). La detrazione andrà suddivisa in 10 quote annuali di identico importo.
  • detrazione IRPEF 75% , novità introdotta nel 2022 dal Governo Italiano, suddivisa in rate identiche in 5 anni.
  • Superbonus 110%, purchè effettuato assieme ad almeno uno dei 3 interventi trainanti.

Prevista inoltre la possibilità di godere dell’IVA ridotta al 4%. Le 4 detrazioni (19%, 50%, 75% e 110%) non sono cumulabili tra loro per spese identiche.

Superbonus 110%: come fare

Il Superbonus 110% può essere usufruito in 3 diversi modi.

  • Detrazione in dichiarazione dei redditi delle spese sostenute per i lavori effettuati nell’arco di tempo che va dal 1 luglio 2020 al 31 dicembre 2023 saranno rimborsate al 110% nei 5 anni successivi in rate annuali di identico importo
  • Sconto immediato fino al massimo del 100% in fattura da parte dei fornitori di beni e servizi
  • Cessione del credito fino al 110% (aliquota massima ma che poi prevede contrattazione con la banca), per esempio all’istituto bancario che dovrebbe fornirti il mutuo per i lavori da effettuare. Una recente novità ha introdotto il limite di 3 cessioni dello stesso credito, onde limitare il fenomeno delle frodi fiscali.

Per accedere ai vantaggi dell’Ecobonus dovrai, nei tempi previsti, consegnare tutta la documentazione completa dei lavori effettuati, firmata da tecnici specializzati, e che dimostri che il tuo immobile ha ottenuto un miglioramento di almeno 2 classi energetiche.

Tutta la documentazione prodotta dagli specialisti costituisce il tuo Visto di Conformità e sarà consegnato tramite CAF all’ENEA.

Installazione di un montacarichi come fare

Montacarichi per disabili: come scegliere, prezzi e normativa

I montacarichi per disabili vengono installati quando non è possibile montare un ascensore oppure si è alla ricerca di una soluzione più economica. L’installazione non è complicata e richiede poco tempo. Solitamente in casa, si rimuove una mattonella per procedere a un corretto montaggio. Spetterà comunque al tecnico valutare che tipo di montacarichi si rivelerà più adatto all’abitazione e provvedere a indicarlo nel preventivo.

Montacarichi per disabili usati

Montacarichi per disabili: come scegliere, prezzi e normativa

Sono in molti a credere che acquistare un montacarichi per disabile usato comporti una notevole riduzione di prezzo. In realtà i brand più famosi si svalutano molto poco e pertanto, malgrado l’usura, i prezzi di vendita per un usato si mantengono piuttosto elevati.

Premesso ciò, dove comprare un modello usato? Basta farsi un giro sul web sulla piattaforme più popolari, come ad esempio eBay, valutando il tipo di offerta. In alternativa è possibile rivolgersi ai negozi di prodotti nuovi che ricevono in permuta i modelli vecchi dalla clientela. Sottoposti ad accurati controlli, verranno posti in vendita come prodotti ricondizionati a prezzi ribassati.

Conclusioni

Le persone con disabilità motoria che abitano in case a più piani sopportano grandi disagi. Essere indipendenti e muoversi in autonomia è  fondamentale per loro. Ricorrere all’installazione di un montacarichi rappresenta una valida soluzione per migliorarne notevolmente i livelli di vivibilità.