House Flipping: definizione, come funziona, come fare soldi, normativa

Alessandro Mancuso
  • Autore specializzato in Design

Ricercare un immobile da ristrutturare, rivenderlo o affittarlo per ricavarne un profitto. È il fenomeno dell’House Flipping. Significato, come funziona, possibilità di guadagno e normativa vigente.

House Flipping: definizione, come funziona, come fare soldi, normativa

Importato dagli Stati Uniti negli anni Novanta, il fenomeno dell’House Flipping è diventato d’uso sempre più comune con il passare del tempo. Lo scopo di questa pratica è ricavare utili dalla compravendita di vecchie case da ristrutturare.

Come fare soldi con gli immobili rientra tra le tipologie d’investimento più remunerative di questa innovativa forma di business.

Scopriamo in questo nostro articolo la definizione di House Flipping, come funziona nello specifico, quanti soldi si possono fare e qual è la normativa a cui attenersi.

House Flipping significato

House Flipping: definizione, come funziona, come fare soldi, normativa

House Flipping cos’è? Possiamo definirla la pratica di acquistare una casa o un immobile ad un prezzo vantaggioso, provvedere alla sua ristrutturazione e rivenderlo ad un importo superiore, ottenendone un lauto profitto. Una valida alternativa è affittarlo per trarne una rendita costante.

Gli aspetti principali di questa attività, le possiamo pertanto riassumere nelle seguenti fasi:

  1. Acquistare un vecchio fabbricato a un prezzo competitivo.
  2. Ristrutturare l’immobile.
  3. Venderlo nel breve periodo ad un prezzo maggiore del costo sostenuto oppure decidere di darlo in locazione.

House Flipping come iniziare

House Flipping: definizione, come funziona, come fare soldi, normativa

Per iniziare a diventare dei competenti “flipping”, serve molta esperienza nel settore e non solo. Prima di investire nel comparto dell’House Flipping, bisogna possedere determinati requisiti. Eccoli indicati in dettaglio:

  • Disporre di un buona liquidità, per concludere gli affari in modo veloce e procedere altrettanto rapidamente alla ristrutturazione dell’immobile.
  • Dedicare il proprio tempo esclusivamente a questo tipo di attività, in quanto non può essere eseguita part-time, difficilmente si otterranno buoni risultati.
  • Possedere una grande esperienza nel campo immobiliare, essenziale per tradurre gli affari in concrete possibilità di guadagno.

House Flipping come fare soldi

House Flipping: definizione, come funziona, come fare soldi, normativa

Abbiamo già intuito in linea di massima come si può guadagnare con l’House Flipping ma è opportuno entrare più nello specifico di questa modalità, per comprendere come fare ad accrescere i profitti.

Un primo aspetto da esaminare riguarda la ristrutturazione dell’immobile. È proprio in questa fase che i costi possono variare di molto, influendo sull’entità del risparmio. Senz’altro utile approfittare delle agevolazioni fiscali, descritte nel prossimo paragrafo più in dettaglio, rendendo più vantaggioso ristrutturare casa. L’ecobonus, il superbonus e il bonus sulle ristrutturazioni rappresentano interessanti opportunità per ridurre notevolmente le spese dei lavori.

Un secondo elemento da valutare con attenzione riguarda la decisione se rivendere l’immobile a un prezzo maggiorato oppure darlo in affitto. Nel primo caso si rientra immediatamente dei costi ottenendone un profitto quasi immediato, nel secondo si punta a godere di una rendita costante attraverso un canone versato mensilmente dai locatori. Non c’è a priori una soluzione più vantaggiosa dell’altra, la scelta dipende dal modo di guadagno che s’intende ottenere con l’House Flipping.

House Flipping cosa valutare

House Flipping: definizione, come funziona, come fare soldi, normativa

Per massimizzare i guadagni con l’House Flipping, è essenziale esaminare bene anche altri importanti aspetti, per non buttarsi a capofitto in un’attività di cui non si conoscono i rischi.

Naturalmente la scelta dell’affare è il primo punto da considerare per avere successo nell’House Flipping. Gli immobili ubicati in alcune zone particolarmente in auge al momento dell’acquisto, a distanza di pochi anni, potrebbero tradursi in un pessimo affare. Viceversa luoghi dalle grandi potenzialità inespresse ma ben individuate a priori, divenire allettanti opportunità per guadagnare bene.

Ecco perché è importante conoscere quali sono le dinamiche del mercato immobiliare e non improvvisarsi investitori. È necessario sapere tutto della zona in cui è ubicato l’immobile, la tipologia dell’edificio e altri fattori indispensabili, da verificare attentamente per chi svolge regolarmente compravendite di abitazioni.

Altrettanto basilare è valutare quali sono i margini di guadagno derivanti dal flipping, per evitare possibili imprevisti che potrebbero rendere non più proficuo l’investimento. Ad esempio, non dover compiere interventi sugli impianti elettrici e idrici, oppure sulla pavimentazione. Fare a meno di queste attività, permetterà di ridurre i costi in modo significativo e consentire di realizzare più facilmente dei profitti.

Ecco perché diviene fondamentale analizzare dettagliatamente le spese per l’acquisto e la ristrutturazione dell’immobile, nonché i costi di consulenza fiscale per quanto concerne tasse e agevolazioni. Di quest’ultimo aspetto ce ne occupiamo nel prossimo paragrafo.

House Flipping tasse, normativa e agevolazioni

House Flipping: definizione, come funziona, come fare soldi, normativa

Dopo aver venduto l’immobile e incassato il corrispettivo, c’è da considerare la parte di tasse da pagare. Poiché viene realizzata una plusvalenza su un investimento, la normativa vigente prevede una tassazione del 26% (se venduto entro 5 anni dall’acquisto), aliquota che scende al 20% se la compravendita non rientra nella professione principale. Il consiglio è di trovare un consulente competente e aggiornato in materia, in quanto di anno in anno le percentuali da applicare subiscono variazioni e le normative registrano cambiamenti.

Con riguardo invece alle agevolazioni fiscali previste dalla legge, è ancora in vigore il bonus ristrutturazione, ovvero una detrazione del 50% sulla spese per i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria, sino a un tetto massimo di spesa di 96.000 euro per singola unità immobiliare. Possibile anche usufruire dei vantaggi derivanti dall’Ecobonus, in misura del 65% o del 50% per le riqualificazioni energetiche, oltre che del Superbonus 110%. Per maggiori dettagli invitiamo a rivolgersi al proprio consulente di fiducia.

House Flipping conclusioni

House Flipping: definizione, come funziona, come fare soldi, normativa

Ora che abbiamo compreso cos’è e come funziona l’House Flipping, appare evidente come si tratta di un’attività “non per tutti”. Necessita di capitali da investire, conoscenza approfondita del mercato immobiliare, esperienza nell’affidare a ditte i lavori di ristrutturazione, circondarsi di consulenti esperti in grado di consigliare le giuste azioni da intraprendere. Non può essere un’attività improvvisata dall’oggi al domani ma bisogna arrivarci gradualmente nel tempo: è questo l’unico modo per avere successo e guadagnare con l’House Flipping.