Cosa non mettere mai nell’asciugatrice: quando fare attenzione


Come usare bene l’asciugatrice senza fare danni agli abiti ed alla biancheria di casa. Cosa non mettere mai, cosa invece si può mettere ad asciugare ma facendo attenzione. I consigli.

come-usare-asciugatrice-centrifuga


Elettrodomestico moderno e gradito da chi non ha molto tempo e voglia soprattutto, di passare delle ore nel locale lavanderia o nel piccolo bagno, a vedere i panni asciutti, l’asciugatrice permette di far guadagnare del tempo libero, oggi più che mai indispensabile, da trascorrere oziando od in compagnia degli amici e dei figli, per una miglior qualità della vita.

Occhio però , che in questo pratico macchinario non si possono andare a sistemare ogni capo di abbigliamento dopo averlo lavato: alcune cose non gradiscono affatto di passare dalla lavatrice all’asciugatrice, nemmeno per pochi minuti.

Vediamo quali sono gli abiti ed i complementi che andranno fatti asciugare in maniera tradizionale e che non andranno mai messi in asciugatrice.


Cosa non mettere mai nell’asciugatrice

Reggiseno

Capo d’abbigliamento essenziale ma non solo per donne e ragazze, che fanno un vanto nel cercare modelli sexy, romantici o trasgressivi, a seconda del gusto e delle serate.

Purtroppo però, si tratta di un capo di vestiario sconsigliato da mettere nell’asciugatrice, in quanto le parti elastiche, i gancini ed i pizzi potrebbero danneggiarsi irrimediabilmente, venendo così costrette a gettarlo per sempre.

Meglio affidarsi ancora al classico stendipanni o sul balcone, riscaldato dai raggi del sole.

Capi con strass

I capi con strass, ovvero con i brillantini, possono essere lavati sia a mano che in lavatrice, l’importante è però di evitare l’uso di candeggina od altri detergenti aggressivi mentre nel caso di lavaggio a secco evitare il percloroetilene.

Al momento di asciugarli, evitategli uno stress ulteriore: in asciugatrice si potrebbero danneggiare una volta per tutte.

Abiti di seta

La seta in generale come tessuto non apprezza l’uso dell’asciugatrice; uno dei tessuti più delicati e pregiati, messi in questo macchinario moderno, il capo di abbigliamento rischierà di non essere più soffice come un tempo.

Tappetino da bagno

tappeto-bagno-originale

Sembrerà strano, avendolo messo in lavatrice per disinfettarlo e rimetterlo a nuovo, ma il classico tappetino da bagno è meglio che asciughi alla vecchia maniera.

Non sarà il tessuto a venire danneggiato, quanto la gomma che si trova sulla parte inferiore e che poggia sul pavimento: le alte temperature rischierebbero di deformare la gomma, essenziale perché rimanga fermo sulla superficie.

Capi in pile

Il pile è un tessuto di origine sintetica e quindi rischia seriamente di restringersi e rovinarsi. Materiale usato per produrre capi di abbigliamento per le stagioni fredde, la sua composizione con particelle sintetiche e di plastica non apprezza le alte temperature , finendo per far infeltrire maglioni e felpe.

Collant

I collant sono molto delicati, capo di moda e che oggi viene indossato con piacere in versioni colorate e ricamate. Evitare di passarli dunque nell’elettrodomestico in quanto il meccanismo rotatorio potrebbe, con quasi certezza assoluta, aggrovigliarli , con la conseguente smagliatura irreparabile.

Costumi da bagno

Come per i reggiseni, il rischio dei costumi da bagno è di perdere la caratteristica dell’elasticità. Trattandosi di un capo dalla ridotte dimensioni e, sopratutto, impiegato per la gran parte del tempo nelle stagioni estive, il caldo del sole o quello di un calorifero, per chi frequenta le piscine in inverno, sarà più che sufficiente.

Giubbotti in piuma

I caldi giubbotti invernali in piuma d’oca non vanno mai messi ad asciugare all’interno dell’asciugatrice. Meglio lasciarli ben appesi in una zona della casa calda.

Stivali Ugg

Il rischio in questo caso è dettato dal fatto che la pelle di pecora che caratterizza questi stivali finirebbe per rovinarsi irrimediabilmente, facendo perdere a questi particolari calzature tutto il suo fascino e la sua funzionalità.

Quando c’è il simbolo no asciugatrice

logo-no-asciugatrice

Banale a dirsi, ma sulle etichette dei capi di abbigliamento e dei complementi come cappelli, guanti, sciarpe ed altro ancora, sono sempre riportati i simboli indicanti il tipo di lavaggio adatto.

Il simbolo qui sopra, ovvero il quadrato con un cerchio ed una croce al suo interno, oltre ad una crocetta più grande, significa che quel vestito od oggetto, magari un cuscino, non può essere messo nell’asciugatrice per alcun motivo.

Cosa mettere in asciugatrice, ma con cautela

come-usare-asciugatrice-stanza

Vi sono poi dei capi e degli accessori che possono essere messi ad asciugare in maniera meccanica, ma usando alcune accortezze.

Sneakers

La amate calzature da passeggio, dopo essere state messe in lavatrice, è meglio che asciughino in condizioni naturali. Se proprio avete urgenza di indossarle e non sapete come guadagnare tempo, adottate il trucco di sistemarle all’interno dei sacchetti salva-biancheria.

Lenzuola

Il rischio comportato dalle lenzuola è che le loro dimensioni potrebbero rendere più difficoltosa la fase di asciugatura degli altri capi sistemati all’interno.

Il rischio di annodarsi è elevato, meglio puntare allora ad asciugarne una coppia per volta, per il miglior risultato possibile.

Piumini per il letto

Andare sotto le coperte al caldo grazie ad un soffice piumino è più di una semplice richiesta in inverno. Ma nell’asciugatrice, oltre ad occupare gran parte, se non tutto, lo spazio disponibile, possono rimanerci non per troppo tempo.

Ogni 30 minuti è meglio toglierli, scuoterli e poi farli raffreddare per qualche minuto: il calore eccessivo potrebbe danneggiare il tessuto che trattiene le piume.

Calze in cotone

decorazioni-natalizie-scandinave-calze

Le calze in cotone possono stare in asciugatrice, anzi accade che lo facciano rapidamente. Meglio però sapere che subiscono l’effetto restringimento, per cui, se scegliete un modello di una taglia più grande, vi troverete a calzarlo perfettamente.

Capi in lana

La lana è un tessuto soggetto ad infeltrimento, meglio quindi evitare di sottoporre i vostri abiti ad un ciclo completo. Meglio limitarsi alla sua presenza all’interno per pochi minuti, sufficienti per riscaldarlo e metterlo poi ad asciugare ben steso.

Davide Bernasconi
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger
  • Esperto di Arredo e design

Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta