Le 3 migliori rifiniture per la cucina del 2023

Curiosi di scoprire quali sono le tre finiture top pronte a spopolare quest’anno nell’ambito delle cucine più esigenti ed al passo con i tempi? Andiamo ad esplorarle insieme!

Tre finiture di tendenza per la cucina del 2023
Foto di R ARCHITECTURE su Unsplash

Quali sono le finiture e i rivestimenti più belli per completare l’asset della propria cucina? Se siete in procinto di arredare casa ex novo, oppure avete in programma una ristrutturazione incisiva, queste sono sicuramente le opzioni più quotate nel mondo dell’interior design.

Scoprite come rivisitare e rendere al passo coi tempi uno degli ambienti più importanti e vissuti di qualsiasi casa: in cucina stile e praticità devono necessariamente essere coniugati! Ecco la nostra classifica, quale finitura si sarà guadagnata il podio?

3. Il PET

Tre finiture di tendenza per la cucina del 2023

Negli ultimi anni, l’universo dell’arredo ha teso sempre più la mano all’impiego di materiali green, cercando di proteggere l’ambiente, oltre che a salvaguardare l’utente finale.

Ad avere la meglio in questo contesto è senza dubbio il PET, ossia un materiale esclusivo in grado di vantare due qualità eccelse: l’eco-sostenibilità e l’eco-compatibilità.

Il PET viene impiegato da tutti i più rinomati Brand del settore, con l’obiettivo di realizzare superfici d’arredo dinamiche e performanti per mezzo di strutture all’avanguardia, unite a materie di indiscussa qualità.

Ma quali sono i vantaggi di possedere ante a PET nell’ambito della propria cucina? Il PET si configura come un prodotto altamente riciclabile, incapace di emettere sostanze tossiche per l’ambiente e quindi del tutto innocuo per la salute dell’uomo.

Ma non è tutto! Orientarsi su un’anta a PET si traduce, in primis, nell’arricchire il proprio spazio dedicato alla cottura, di un materiale assolutamente igienico, molto spesso impiegato infatti anche in ambienti sanitari.

2. Il laccato Metal

Tre finiture di tendenza per la cucina del 2023

Nelle cucine del 2023 non mancheranno i metalli come l’acciaio, l’ottone o ancora il rame. Ampio spazio quindi a finiture in grado di esaltare le tendenze tattili e materiche.

Si tratta di materiali che possono essere impiegati sia per rifinire i dettagli, che in forma più corposa ed estesa, impiegandoli ad esempio sulle ante di basi, colonne o ancora pensili. I laccati metallici hanno la peculiarità di conferire lucentezza, dotando la materia di sfumature più calde o più fredde in dipendenza del tipo di metallo impiegato. Tale finitura moderna abbraccia perfettamente il legno, il marmo o il granito.

Altre finiture metalliche particolari includono il bronzo, l’ottone antico, l’ossido o il metallo brunito. Si tratta di finiture capaci di comunicare un effetto “caldo” e intenso, a ricordare l’essenza dei metalli veri.

1. La Pietra

Tre finiture di tendenza per la cucina del 2023

Elemento evergreen dal sapore intramontabile, il fascino materico ed elegante della pietra non passa mai di moda, anche e soprattutto nell’universo dell’arredamento.

In cucina, la pietra è pronta a sprizzare tutta la propria poliedricità, calibrandosi come la protagonista indiscussa ma anche come degna comprimaria, dialogando con elementi come il metallo ed il legno. Ecco perché si è guadagnata il primo posto di questa classifica.

La pietra può essere impiegata su una vasta gamma di superfici, con l’obiettivo di arricchire con un tocco di personalità top, basi e isole, ma anche pensili e colonne, nel tentativo di ricreare una sensazione di monoblocco fresco di cava.

La selezione della pietra conferisce senz’altro un elemento di solidità ai vostri spazi, forgiandosi inoltre su stilemi di raffinata ed inconsapevole eleganza. Quali sono le tipologie di pietre più apprezzate in cucina? I graniti e i marmi la fanno ancora una volta da padrone.