Contratto di comodato d’uso: cos’è e quali sono i vantaggi fiscali

Il contratto di comodato d’uso consente al comodatario di poter godere entro un determinato tempo di un bene altrui senza pagare alcun corrispettivo. Nel dettaglio le condizioni del contratto ed i vantaggi fiscali da esso derivanti.

contratto-comodato

Il comodato d’uso gratuito è il negozio giuridico più in voga per le famiglie che abbiano a disposizione una seconda abitazione.

In tal caso, il secondo immobile potrà essere concesso in comodato d’uso dai genitori ad un proprio figlio senza percepire dallo stesso un corrispettivo economico.

comodato-d’uso-gratuito

Comodato d’uso gratuito: la disciplina civilistica

Ai sensi dell’art.1803 c.c. il contratto di comodato d’uso consente al comodante di mettere a disposizione del comodatario qualunque tipo di bene mobile o immobile.

La caratteristica peculiare del vincolo sancito tra le parti è data dalla gratuità del godimento del bene altrui.


Leggi anche: Come abbellire un negozio

Tale negozio giuridico si stipula senza l’obbligo della forma scritta, bastando un semplice accordo verbale tra padre e figlio che liberi quest’ultimo dall‘uso dell’immobile senza corrispondere alcun canone di locazione.

E’, tuttavia, fondamentale che i patti tra le parti risultino da forma scritta quale prova inconfutabile di una non cessione dell’immobile o di un acquisto a titolo oneroso.

comodato

Forma scritta del comodato d’uso: i benefici fiscali

Seppure la forma scritta per la stipula del contratto di comodato d’uso non sia ritenuta necessaria ai fini e per gli effetti di legge, la stessa è prova in grado di dimostrare il non acquisto a titolo oneroso del bene oggetto del comodato.

Altro aspetto da non sottovalutare sono i benefici fiscali che derivano da un contratto di comodato d’uso stipulato tra le parti nella forma scritta.

tasse-documento

Come beneficiare delle riduzioni

In particolare, per il versamento dell’imposta sugli immobili (IMU), il proprietario corrisponde all’Erario un’aliquota maggiore qualora conservi l’immobile costantemente sfitto.

In determinati Enti Locali, addirittura, si determina la possibilità per il contribuente di apporre una parificazione tra la prima casa e la seconda qualora a beneficiare e godere della stessa sia il figlio del proprietario che ne gode per effetto del comodato d’uso.


Potrebbe interessarti: Contratto di comodato

La TARI, invece, risulta essere dovuta dal soggetto che fa uso dell’immobile mentre la TASI è corrisposta parzialmente dal proprietario dell’immobile e dall‘inquilino-conduttore.

Dulcis in fundo il comodatario che goda del bene in comodato d’uso gratuito concesso dal comodante-proprietario, in termini di dichiarazione dei redditi, apponendo l‘immobile concessogli quale abitazione principale, beneficerà di ulteriori agevolazioni fiscali.

Ricavi-costi per il comodato d’uso: prevalgono i vantaggi

Pertanto, sulla scorta di un’asettica analisi sul rapporto concernente costi-benefici derivanti dalla stipula del contratto di comodato d’uso, prevalgono nettamente i secondi per effetto dei risparmi e dei benefici fiscali derivanti dal negozio giuridico.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

La stipula del contratto di comodato d’uso nella forma scritta- ai fini probatori – comporta delle spese vive immediate ma facilmente ammortizzabili nel tempo per effetto del godimento del bene e delle prefigurate agevolazioni fiscali.

Il conto è presto fatto: ai fini della stipula in forma scritta del contratto di comodato d’uso gratuito occorrono una marca da bollo da 16 euro da apporre ogni 4 pagine del contratto ed il versamento una tantum di euro 200 nel registro degli immobili.

Avv. Ennio Carabelli
  • Laurea in Giurisprudenza
  • Abilitazione Forense presso la Corte d'Appello di Salerno
  • Giornalista Pubblicista
  • Autore specializzato in controversie legali, normative, condominio, casa, successioni, contratto, mutui.
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, novità ed occasioni riguardo il mondo del design. Aggiornati dal primo sito in Italia in tema di design.