Frullatore come scegliere il migliore


Come scegliere il migliore frullatore per le proprie esigenze considerando il rapporto qualità prezzo. Conoscere il funzionamento, i tipi e l’utilizzo dei frullatori in cucina: caratteristiche, funzioni, materiali, potenza del motore, accessori. Guida all’acquisto, opinioni e prezzi.

frullatore-migliore

Lavorare in cucina per preparare velocemente e facilmente prelibati piatti da offrire ad amici e parenti è diventata una cosa ancora più semplice grazie agli elettrodomestici quali frullatore, minipimer e mixer.

Sono accessori che permettono di compiere molte operazioni, un tempo da effettuare manualmente e che richiedevano più tempo.

Frullatore


Come scegliere il frullatore

Il frullatore è un accessorio indispensabile in qualunque cucina, fondamentale anche per chi ha poca dimestichezza con la preparazione dei piatti.

Inoltre la sua versatilità permette di poterlo utilizzare praticamente a qualunque ora della giornata, dalla colazione alla cena, preparando succose spremute di arancia, tritando la carne per un ragù o per un ripieno.

Come è fatto un frullatore

Il frullatore può essere sostanzialmente diviso in due parti:

  • la parte inferiore con motore elettrico e comandi per l’accensione;
  • la parte superiore con il contenitore e le lame rotanti.

Nella parte inferiore, il motore elettrico permette il funzionamento dell’elettrodomestico, attivato mediante la pulsantiera con i diversi tasti di accensione e le diverse funzioni, a seconda della ricetta da preparare.

Nella parte superiore, attraverso l’apertura, vengono inseriti i cibi nel contenitore, che presenta la graduazione sui lati esterni, visibili, in modo da conoscere la quantità inserita.

Le lame rotanti svolgono la funzione di tritare, sminuzzare ed omogeneizzare il cibo. Il contenitore, per evitare che una parte del cibo schizzi e possa uscire, presenta un coperchio da chiudere.

A garanzia della sicurezza ed incolumità personale, le norme di fabbricazione impongono che il frullatore non possa funzionare quando il coperchio non è accuratamente chiuso.

Come scegliere il frullatore: caratteristiche

All’interno della gamma di modelli in commercio, scegliere un buon frullatore significa valutare con attenzione le seguenti caratteristiche:

  • potenza
  • caraffa
  • lame
  • funzioni
  • sicurezza

Come scegliere il frullatore in base alla potenza

La potenza di un frullatore determina la velocità di rotazione della lame.

Una potenza troppo bassa rende molto lunga e difficoltosa l’operazione di sminuzzare e triturare il cibo. Inoltre il macchinario potrebbe riscaldarsi in maniera eccessiva, finendo per bloccarsi ed interrompere addirittura il ciclo di lavorazione.

In particolare, per operazioni come tritare il ghiaccio, un wattaggio molto alto ci consentirà di eseguire le operazioni agilmente.

La potenza di base consigliata per un buon frullatore è pari ad almeno 500 watt.

frullatore-caraffa

Come scegliere il frullatore in base alla caraffa

Le dimensioni della caraffa determinano la quantità di cibo che può essere introdotta. Se si prevede un utilizzo soltanto per realizzare deliziosi frullati, allora la grandezza può anche essere limitata.

Se invece si prevede un forte utilizzo dell’elettrodomestico, ad esempio per la preparazione di piatti per una famiglia numerosa, allora il consiglio è di indirizzarsi verso contenitori molto capienti.

In questo modo si eviterà di dover svuotare e riempire diverse volte il contenitore, rendendo molto più rapida la preparazione.

La maggior parte dei frullatori ha una capienza minima di un litro mentre modelli di più ampie dimensioni possono arrivare a due litri ed oltre.

Pratici modelli che possono essere facilmente trasportati hanno caraffe più ridotte di 300/600 millilitri.

La caraffa può essere in vetro o plastica:

  • il vetro subisce molto meno l’usura sebbene abbia un peso maggiore e dunque una facilità di utilizzo inferiore;
  • la plastica invece può graffiarsi con facilità ma la sua leggerezza ne consente una più agevole maneggevolezza e sicurezza.

Obbligatorio che la caraffa sia graduata, in modo da sapere la quantità di cibo o di liquido che è stata inserita. I modelli di qualità medio/alta presentano la differenza in centilitri e grammi in modo da poter differenziare fra cibi liquidi e solidi.

La presenza di un beccuccio e di un manico rende molto semplice il versamento del contenuto in un piatto o nei bicchieri, oltre alla presenza di un ulteriore foro utile ad aggiungere liquidi durante la preparazione.

lame-frullatore

Come scegliere il frullatore in base alle lame

E’ importante esaminare il numero ed il tipo di lame del frullatore.

Un numero di lame maggiore permette di operare sul cibo in maniera più precisa, potendo sminuzzare in molto meno tempo.

La gran parte dei modelli presenta 4 lame mentre prodotti professionali hanno 6 lame.

Come scegliere il frullatore in base alle funzioni

Il vantaggio che offre un frullatore è di sminuzzare praticamente qualunque tipo di cibo.

I modelli più semplici e di base presentano una sola velocità di esecuzione, che può essere attivata tenendo premuto il pulsante di accensione oppure girando una manopola.

I modelli di medie prestazioni presentano due velocità di base,  con azionamento fisso o tenendo premuto il tasto. Un frullatore semiprofessionale o professionale offre, mediante una serie di pulsanti, diverse velocità di rotazione che permettono di essere ancora più precisi nel tipo di taglio.

I modelli di alta gamma possono arrivare ad avere anche 10 o più velocità di funzionamento.

I programmi più comuni che presentano i frullatori in commercio sono:

  • tritaghiaccio
  • programma frullati
  • programma pulizia

frullatori-kenwood

Come scegliere il frullatore in base alla sicurezza

I modelli in commercio hanno ormai quasi tutti la funzione di bloccaggio, detto interlock, che prevede il blocco automatico o la non attivazione del motore se il recipiente non è montato correttamente oppure non è bloccato.

In questo modo l’utilizzo dell’elettrodomestico è sicuro, e consente di evitare pericolosi incidenti.

La larghezza della base consente di avere una superficie di appoggio ampia, diventando un ulteriore elemento di sicurezza. Meglio se i piedini della base sono in gomma antiscivolo: in questo modo, anche in funzione, non si rischia che il frullatore si possa muovere.

Infine, l’avvolgicavo permette di non avere fili penzolanti e possibili intralci durante l’uso.

Frullati

Ricette realizzabile con il frullatore

Con un frullatore si possono realizzare molte ricette:

  • frullati di frutta e di verdura di stagione
  • frappè
  • salse di ogni tip
  • vellutate
  • gelati
  • tritare il ghiaccio per drink
  • maionese
  • yoghurt
  • pesto
  • burger vegetali e di carne

Marche migliori di frullatori

Trattandosi di un oggetto in commercio da ormai tantissimi anni, pressochè tutte le moderne aziende di elettrodomestici presentano nel loro catalogo diversi modelli di frullatori.

Tra le marche migliori sul mercato segnaliamo:

  • Braun,
  • Philips,
  • Kenwood,
  • Bosch,
  • Electrolux,
  • Moulinex,
  • Imetec,
  • Ariete,
  • Duronic.

frullatore-braun

Come scegliere un frullatore in base al prezzo

Il frullatore è un elettrodomestico per il quale la differenza di prezzo indica già un diverso livello di prestazioni e di programma accessori. Indicativamente si può riassumere così:

  • Frullatore di gamma base, 300/500 W, quattro lame, caraffa in plastica da 1 litro in plastica, 1 velocità, a partire da € 25
  • Frullatore di gamma media, 600 W, 4/6 lame, caraffa in plastica o vetro da 1,5 litri, 2 velocità, programma tritaghiaccio a partire da € 45
  • Frullatore di gamma alta, 1200 W, 6 lame, caraffa in vetro da da 2 litri, velocità regolabile, tritaghiaccio a partire da € 100
Pianeta Design
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger

Google News

Vuoi essere aggiornato sulle ultime tendenze?

Accedi gratuitamente ai nostri video e guide sul fai da te, promozioni e sconti.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta