Fancoil o classici radiatori?


Fancoil o classici radiatori? Come funzionano. Modelli in commercio. Opinioni, pro e contro dei radiatori e fancoil.

radiatore-muro

Riscaldare la propria abitazione con i moderni fancoil o classici radiatori è spesso un dubbio amletico.

Meglio ricorrere al rinnovamento tecnologico oppure rimanere con il tradizionale impianto?

E’ un dubbio che si può sciogliere conoscendo le principali differenze tra le due differenti tipologie esistenti nel campo del riscaldamento delle abitazioni ed uffici.


Radiatori

termosifone-casa

Rappresenta il metodo di riscaldamento più diffuso nelle case degli italiani, in particolare di quelle abitazioni con almeno 10 anni di vita.

Come funzionano

L’acqua calda, prodotta dalla caldaia, viene immessa nelle tubazioni che compongono il circuito del riscaldamento e, collegata ai vari radiatori, genera il calore nell’appartamento.

Materiali

radiatori-ghisaCon il progresso tecnologico si è passati ad utilizzare materiali molto più leggeri e soprattutto, che facilitano la trasmissione del calore.

Radiatori in ghisa

Il modello classico in ghisa, è tra i più obsoleti, ma è anche il radiatore che meglio di tutti trattiene il calore una volta spenta la caldaia.

radiatori-esemplariOvviamente, di contro ha il fatto che impiega più tempo per scaldarsi.

modelli in ghisa sono pesanti e dunque potrebbero comportare relativi problemi al momento dell’installazione nell’abitazione.

Occorre infatti predisporre rinforzi quando vengono installati su pareti leggere.

Di contro, sono decisamente silenziosi poiché lo spessore della ghisa riduce il rumore dell’acqua che scorre al suo interno.

Radiatori in alluminio

I radiatori in alluminio presentano il vantaggio di essere più leggeri oltreché meno ingombranti.

Facili da montare, vantano un design più moderno e dunque gradevoli alla vista.

radiatori-alluminio

Il fattore leggerezza si esprime in una maggior rapidità nello scaldarsi; di contro il materiale è più propenso a trasmettete rumori e vibrazioni prodotte dal passaggio dell’acqua.

Radiatori in acciaio

Fondamentalmente possiamo dire che il radiatore in acciaio è un’ottimo compromesso fra i due modelli precedenti, sia in termini di tempi di riscaldamento e raffreddamento, che di capacità di resistenza alla corrosione.

radiatore-acciaio

Anche in termini di peso sono una via intermedia.

E’ un modello che si fa preferire per le possibili soluzioni di design che sono offerte in commercio, tanto da far coniare il termine di termoarredo.

Fancoil: cosa sono

fancoil

I fancoil sono ventilconvettori, ovvero terminali appartenenti agli impianti di riscaldamento e di climatizzazione.

L’apparecchio è composto da un carter metallico con due batterie di scambio termico, un ventilatore, un filtro dell’aria, una piccola vasca di raccolta della condensa, collegamenti esterni con le reti dell’acqua calda, un involucro di copertura per nascondere la struttura, i collegamenti elettrici ed idraulici, le valvole di intercettazione.

Come funzionano

fancoil-funzionamentoIl faincoil preleva aria dal locale e provvede a filtrarla, trattenendo eventuali impurità.

Passando attraverso lo scambiatore acqua/aria, l’aria assorbe o cede calore, a seconda della funzione impostata (riscaldamento/raffrescamento).

Poi viene diffusa nell’ambiente tramite il ventilatore elettrico secondo la temperatura impostata.

Quando il fancoil funziona come riscaldamento, il calore viene prelevato, mentre quando serve a rinfrescare, viene ceduto.

Modelli

fancoil-soffittoSono due le tipologie di fancoil in commercio.

  • Ventilconvettori a parete: posizionati come i classici radiatori, presentano all’interno un nucleo riscaldante in alluminio in modo da raggiungere il clima preferito in breve tempo. Con un telecomando è possibile inoltre programmare la temperatura idonea.
  • Ventilconvettori a soffitto: vengono incassati in un controsoffitto, dunque non visibili. Mediante un regolatore a parete od un telecomando, viene regolato il flusso dell’aria.

 

Fancoil o classici radiatori? Opinioni

riscaldamento-

Tra le due metodologie di riscaldamento sussistono differenze che spesso possono diventare elemento di dubbio al momento della scelta.

Vediamo quali sono le principali.

Radiatori: vantaggi

riscaldamento

Essendo presenti nella maggior parte delle abitazioni, in caso di acquisto della prima casa, sarà sufficiente far effettuare una valutazione da un tecnico specializzato l’eventuale obsolescenza dei radiatori.

L’evoluzione tecnologica inoltre permette di utilizzare materiali diversi per la realizzazione, con maggior potere radiante e più leggeri rispetto alla ghisa dei modelli molto antichi.

Radiatori: svantaggi

Un grande punto a sfavore dei radiatori è che per poter funzionare la temperatura dell’acqua deve arrivare ad 80° circa, impiegando parecchio tempo per riscaldare una stanza.

Diventa importante avere la miglior coibentazione possibile dell’edificio, altrimenti gran parte del calore si disperderà all’esterno, con un consumo energetico senza benefici.

Fancoil: vantaggi

fancoil-fresco

Il riscaldamento dell’ambiente  avviene in maniera molto rapida.

Con una singola unità inoltre, si può predisporre un funzionale sistema di raffreddamento dell’ambiente, utile nelle stagioni estive molto calde.

Sono dotati di un filtro che ha la funzione di trattenere le polveri, depurando l’aria.

Tuttavia occorre che gli stessi vengano puliti con periodicità per assicurarne il rendimento migliore.

Funzionano con acqua calda a 45-50 °C; una temperatura minore permette di funzionare mantenere basso il tasso di umidità.

Con la bocchetta di espulsione dell’aria rivolta verso le zone dell’ambiente da riscaldare, si può indirizzare il calore dove si ritiene più utile.

Fancoil: svantaggi

In un ambiente piccolo, come può essere  il bagno, installare un fancoil rischierebbe di sentire il getto d’aria troppo ravvicinato.

La temperatura non è uniforme nei locali, poiché il caldo tende comunque a salire più in alto.

Inoltre occorre considerare il rumore delle ventole quando sono in azione che, se può essere minimo nei modelli ad alte prestazioni, potrebbe rappresentare un fastidio.

fancoil-salaInoltre, rendono l’aria molto secca nelle stagioni invernali, fattore che potrebbe rivelarsi fastidioso per persone con problemi di respirazione.

Fancoil costi

Occorre mettere in preventivo che per riscaldare o raffreddare correttamente, serve collocare almeno un “armadietto” uno in ciascuna stanza.

Qualora si abiti in un open space, è importante procedere all’acquisto di una o più unità che siano in grado di riscaldare adeguatamente lo spazio complessivo.

openspace-ufficio-fancoil

Il prezzo del fancoil è determinato da vari fattori quali marca, potenza, design più o meno elegante.

Il costo medio di un buon prodotto a doppia batteria, si aggira intorno a 300/350 euro.

Fancoil o classici radiatori? Immagini


Vuoi essere aggiornato sulle ultime tendenze?

Accedi gratuitamente ai nostri video e guide sul fai da te, promozioni e sconti.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta