Esenzione canone Rai 2021: come funziona, documenti, categorie esenti, novità 2022

Esenzione canone Rai 2021. Chi può chiedere l’esonero: senza tv, over 75, chi attiva nuova utenza, seconda casa. Le categorie degli esclusi. Scadenze. Novità del Governo.

television home theatre

Esenzione canone Rai: già da qualche anno la normativa in vigore in Italia, che prevede il canone annuo per la televisione di Stato inserito direttamente nella bolletta dell’energia elettrica, prevede comunque la possibilità per alcune categorie di persone di chiedere ed ottenere l’esenzione dal pagamento dal tributo obbligatorio per chi è in possesso di un televisore.

Lo Stato italiano, al fine di limitare l’evasione fiscale, prevede la presunzione di detenzione dell’apparecchio tv.

Qualora invece si rientri in uno dei casi specifici, per non possesso di una tv, per età, reddito ed appartenenti a determinate categorie, occorre inoltrare all’Agenzia delle Entrate una comunicazione per ottenere in questo modo l’esenzione dall’obolo.


Leggi anche: Acquisto seconda casa

Esenzione canone Rai per non possesso tv

Ikea Parquet Parquet Ikea Tundra Parquet Timberwise Decor Home Mataro

Il caso più noto riguarda le persone che pur avendo intestato un contratto di fornitura energia elettrica, non detengono alcun televisore nell’abitazione.

Per richiedere di essere esentati dal canone, deve essere inviata una comunicazione all’Agenzia delle Entrate che attesta il non possesso.

Tale modello si può facilmente trovare sul sito dell’Agenzia e la comunicazione deve essere fatta dalla persona intestataria del contratto dell’energia, inviandola con raccomandata, al seguente indirizzo:

AGENZIA DELLE ENTRATE, UFFICIO DI TORINO 1, S.A.T. – SPORTELLO ABBONAMENTI TV – CASELLA POSTALE 22 – 10121 TORINO.

Oppure in via telematica,utilizzando le credenziali Fisconline o Entrate, o tramite posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo:

[email protected]

Esenzione canone Rai Over 75

salone-doppio-davanti-tv

Tutti i cittadini italiani di età superiore a 75 anni e con un reddito annuo inferiore a € 8.000 lordi hanno diritto a chiedere l’esonero dal pagamento del canone.

L’agevolazione spetta per intero se il compimento del 75° anno è avvenuto entro il 31 gennaio dell’anno stesso. Se invece il compimento avviene nel periodo 1° febbraio/31 luglio, l’agevolazione spetta per il secondo semestre.

L’agevolazione spetta se l’apparecchio tv è posto nell’abitazione dove la persona ha la residenza, altrimenti il pagamento del canone è dovuto.


Potrebbe interessarti: Snaidero catalogo 2021

Identica modalità per quanto riguarda l’invio della documentazione che, per gli over 75, prevede di inserire anche fotocopia del documento d’identità

Esenzione canone Rai per chi attiva nuova utenza elettrica

impianto-elettrico-wireless-stanza

Qualora si sia proceduto ad attivare una nuova utenza elettrica durante l’anno e si desideri non avere un televisore, la domanda di esenzione dovrà essere presentata entro la fine del mese successivo a quello di attivazione della fornitura.

In questo modo il canone non verrà addebitato in bolletta da subito, in caso contrario sarà possibile presentare domanda di rimborso.

Esenzione canone Rai seconda casa

veranda-casa-mare


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

Il canone Rai è dovuto dal contribuente per una sola casa, se posseduta all’interno dello stesso nucleo famigliare.

Qualora uno dei membri della famiglia abbia intestato un contratto di energia elettrica in un’altra casa, può chiedere l’esonero dal pagamento.

Esenzione canone Rai: tutte le categorie

tv

Oltre alle categoria di persona già indicate ed i ai casi specifici, sono esentati dal pagamento i seguenti soggetti:

  • Invalidi civili degenti in un casa di riposo;
  • Militari delle Forze Armate Italiane: ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate. Inoltre se un membro delle Forze Armate si trova in un appartamento privato situato all’interno di una struttura militare non è esonerato dal pagamento del canone;
  • Militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato;
  • Agenti diplomatici e consolari purchè appartenenti ai Paesi che prevedono indentico trattamento per i diplomatici italiani;
  • Rivenditori e negozi in cui vengono riparate TV.

Esenzione canone Rai: scadenze

Per chiedere l’esenzione dal pagamento, è necessario inoltrare la richiesta al momento opportuno. Andiamo a scoprire le diverse scadenze.

Senza tv

idee-monolocale-3Per aver diritto all’esonero completo dal canone Rai occorre presentare la domanda entro il 31 gennaio dell’anno in corso

E’ comunque possibile presentare la domanda di esonero relativamente al secondo semestre 2021 (luglio/dicembre) presentando la modulistica a partire dal 1° febbraio ed entro il 30 giugno 2021.

Ricordiamo che la dichiarazione sostitutiva (Quadro A) deve essere presentata ogni anno nel caso sussista la non detenzione dell’apparecchio tv.

Over 75

tv-vintagePer le persone over 75 e rientranti nel limite di 8000 euro lordi annui di reddito, le scadenze sono le seguenti:

  • 30 aprile per essere esonerati tutto l’anno
  • 31 luglio per essere esonerati dal secondo semestre.

Per tale categorie di persone, la domanda va presentata ogni anno. Il rinnovo non è automatico. Qualora si superi il limite del reddito annuo, occorre provvedere al pagamento del canone.

Novità canone in bolletta: fino al 2022

L’inserimento in automatico del canone RAI nella bolletta dell’energia elettrica non piace però a Bruxelles. Nell’ambito degli impegni presi dal Governo Draghi con l’Unione Europea, nell’ambito del Recovery Plan e relativo alla cancellazione degli “oneri impropri” dai costi dell’energia, fra le misure concorrenziali concordate dovrebbe esserci l’uscita del canone tv dalla bolletta dell’elettricità entro il termine del 31 dicembre 2022.

Ricordiamo che il passaggio automatico avvenne ai tempi del Governo Renzi nel 2015, per affrontare e risolvere il grosso problema dell’evasione. Già al termine del primo periodo di imposizione, nel 2016, fu ben il 41% delle famiglie in più ad aver versato l’obolo nelle casse dello Stato italiano, con una riduzione degli evasori dal 36% al 10%.

Al momento attuale il canone viene pagato dai contribuenti per un totale di 90 euro annui, versati in 10 rate da 9 euro ciascuna.

Davide Bernasconi
  • Laurea in Economia e Commercio, indirizzo Internazionale
  • Autore specializzato di design e arredo d'interni
Suggerisci una modifica