Ecobonus 110%: ecco come rifare l’impianto di riscaldamento senza spendere nulla


Ecobonus 110%: ti spieghiamo passo dopo passo come fare per rifare di nuovo il tuo impianto di riscaldamento senza spendere nulla, sfruttando il Superbonus, che consente una detrazione sulle spese per alcuni tipi di intervento con un’aliquota del 110%.

ecobonus-impianto-riscaldamento


L’Ecobonus 110% è un’occasione imperdibile per chiunque, in questi mesi, si appresti a fare lavori importanti nella propria abitazione. Incluso nelle importanti misure del Decreto Rilancio 2020, è un ulteriore incentivo per tutti coloro i quali devono affrontare i costi elevati di alcuni interventi specifici, che di seguito vedremo, che consentirà a chi potrà usufruirne di non spendere neanche un euro per la ristrutturazione della propria abitazione in ottica green.

Sì, perché l’idea principale dell’Ecobonus 110% è quella di spingere sempre di più l’edilizia italiana verso una nuova consapevolezza che abbracci la filosofia green relativa alle abitazioni. Una filosofia green che comprende una maggiore efficienza energetica, che riduca le immissioni di anidride carbonica nell’atmosfera, causate da impianti di riscaldamento e raffrescamento ormai antiquati e poco funzionali.


Leggi anche: Riscaldamento al bioetanolo: il camino dal design moderno

Altro settore da valorizzare, secondo il Decreto Rilancio, è quello che riguarda la coibentazione delle abitazioni, con il rivestimento delle superfici verticali, orizzontali e oblique, quindi pavimenti, pareti e tetti, con pannelli isolanti in lana di roccia, sughero o feltro, che evitino la dispersione del calore o del fresco. Tale dispersione rende il funzionamento stesso degli impianti di riscaldamento o raffrescamento difficile e dannoso per l’ambiente.

ecobonus-impianto


Impianti di riscaldamento green ammessi dall’Ecobonus

Perché rifare un impianto di riscaldamento e/o raffrescamento o un impianto per la produzione dell’acqua calda? Perché i vecchi e desueti impianti sono inquinanti, fonte di dispersione del calore, hanno prestazioni molto basse e contribuiscono sensibilmente all’inquinamento atmosferico. Inoltre, gli elevati consumi portano a un aumento importante delle bollette, elemento da non trascurare.

Con l’Ecobonus 110% hai diritto a importanti detrazioni se deciderai, ad esempio, di sostituire la vecchia caldaia con una più moderna, in questo caso la riduzione del consumo di gas è di circa il 20%. Le caldaie più moderne che hanno sposato la filosofia green sono:

  • a condensazione
  • a pompa di calore ad alta efficienza
  • a biomassa
  • ibride, cioè a condensazione e pompa di calore.

ecobonus-impianto

Caldaie a condensazione: funzionamento e vantaggi

Le caldaie a condensazione funzionano più o meno come quelle tradizionale: l’acqua è scaldata grazie alla combustione. A differenza della caldaia tradizionale, però, il calore che si sprigiona dalla combustione non viene disperso nell’ambiente ma incanalato in una camera stagna e trasformato in condensa. In parte viene riutilizzato, quando poi si è raffreddato, viene espulso. In questo modo il risparmio energetico è notevole e l’ambiente non ne risente.


Potrebbe interessarti: Rifare il balcone

ecobonus-impianto

Caldaie a pompa di calore al alta efficienza: funzionamento e vantaggi

La caldaia a pompa di calore ad alta efficienza sono ancora più eco-sostenibili, in quanto sfruttano il calore dell’ambiente esterno o interno per funzionare.

ecobonus-impianto

Caldaie alimentate a biomassa: funzionamento e vantaggi

Come dice già il nome, nella caldaia alimentata a biomassa il calore deriva dalla combustione, appunto, della biomassa. Il funzionamento, dunque, è simile a quello della caldaia tradizionale, ma il risparmio, energetico ed economico, è notevole.

ecobonus-impianto

Cosa funziona l’Ecobonus 110%: tempistiche

Ma adesso vediamo come rifare daccapo il proprio impianto di riscaldamento o raffrescamento senza spendere un euro, sfruttando l’Ecobonus 110%. Prima di tutto, vi sono delle tempistiche alle quali dovrai strettamente attenerti: i lavori dovranno avvenire tra il 1 luglio 2020 e il 31 dicembre 2021, altrimenti poi non avrai accesso alla detrazione sulla spesa effettuata.

ecobonus-impianto

Come ottenere Ecobonus 110%: documenti da presentare

Ovviamente, per ottenere l’Ecobonus 110% bisognerà presentare tutti i documenti richiesti dalla normativa di riferimento. Per ottenerli, sarà necessario avere le certificazioni ufficiali dei lavori avvenuti rilasciate da parte di tecnici specializzati, che dovranno firmarle. È molto importante ottenere tutti i documenti relativi a ogni intervento, perché questi andranno consegnati poi presso un CAF o comunque un professionista nell’invio di documenti telematici per ottenere il cosiddetto Visto di Conformità. Il Visto di Conformità è il documento imprescindibile, senza il quale non potrete fare richiesta per ottenere l’Ecobonus 110%.

Le sanzioni per le attestazioni mendaci sono altissime, e arrivano fino a 15.000 euro, quindi fai molta attenzione quando ti affidi a un professionista.

ecobonus-impianto

Modalità di rimborso della detrazione

Una volta affrontate le spese per il rifacimento dei tuoi impianti nel periodo corretto e ottenute le certificazioni necessarie per avere il visto di conformità, potrai accedere al Superbonus. Ottenuto l’ecobonus, non ti resterà che attendere il rimborso che avverrà nei cinque anni successivi a quello in cui si sono tenuti i lavori e sarà costituito da quote identiche anno per anno.

Se non vuoi chiedere un rimborso a posteriori, puoi anche usufruire di uno sconto immediato su beni e servizi, concesso dai fornitori, secondo le modalità della normativa vigente. Anche in questo caso, è necessario ottenere le attestazioni che determinano l’ecosostenibilità degli interventi che andrai a effettuare.

Per tutte le info necessarie, si consiglia la lettura della speciale guida Guida completa per sfruttare Ecobonus 110%: detrazioni e vantaggi.

ecobonus-impianto

Come rifare l’impianto senza spendere nulla: immagini e foto

La filosofia green applicata alla casa, con il Decreto Rilancio 2020 che prevede un Ecobonus con aliquota al 110%: questo ti consentirà di rifare l’impianto di riscaldamento senza spendere nulla. Ecco tutto quello che devi sapere per ottenerlo.

 

Angelica Moranelli
  • Laurea in Lettere e diploma triennale post-laurea in archeologia
  • Master in Comunicazione e organizzazione degli Eventi
  • Copywriting, Social Media Marketing, Editing e correzione bozze
  • Blogger specializzata in Lifestyle, Casa, Arredamento
  • Fonte Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta


Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, novità ed occasioni riguardo il mondo del design. Aggiornati dal primo sito in Italia in tema di design.