Detrazioni infissi


Detrazioni infissi. Come aver diritto all’Ecobonus per la sostituzione degli infissi. Requisiti immobile. Requisiti tecnici dell’intervento. Novità aliquota 2018. Importo. Invio documentazione ENEA.

infissi-vasistas-

Opere di rinnovamento che migliorano l’efficienza energetica dell’abitazione principale danno diritto ad alcuni benefici fiscali interessanti e la detrazione infissi è uno di questi.

Con la sostituzione per finestre e porte di casa, si ha diritto a godere di un’agevolazione al momento della dichiarazione dei redditi.


Detrazione infissi: Ecobonus 2018

ecobonus-218Provvedere a sostituire gli infissi di casa non è dunque un’operazione unicamente costosa da sostenere.

Mediante l’agevolazione fiscale Ecobonus 2018 è infatti possibile provvedere a migliorare l’efficienza energetica dell’abitazione effettuando interventi come l’installazione di caldaie e la sostituzione di infissi e serramenti che permettono un risparmio energetico.

Detrazione infissi: requisiti immobile

infissi-pvc

Per poter godere dell’agevolazione occorre considerare alcuni punti chiave ed obbligatori dell’intervento.

  • l’immobile soggetto all’intervento deve già essere esistente al momento della sostituzione, dunque già accatastato od in fase di accatastamento;
  • si deve essere in regola con il pagamento di eventuali tributi;
  • l’immobile deve essere dotato di impianto di riscaldamento.

Detrazione infissi: requisiti tecnici dell’intervento

infissi-casale-

L’operazione di installazione deve poi rispettare, sotto il punto di vista tecnico, alcuni punti chiave:

  • si deve trattare di una sostituzione o modifica di infissi già esistenti;
  • l’opera deve delimitare un volume riscaldato verso l’esterno o verso vani non riscaldati;
  • i nuovi infissi devono garantire un valore di trasmittanza termica (Uw) inferiore o uguale al valore di trasmittanza limite riportato in tabella 2 del D.M.

Per quest’ultimo punto è necessaria la perizia asseverata redatta da un tecnico abilitato (ingegnere, architetto, geometra o perito) iscritto al proprio Albo professionale.

In tale documento deve essere indicato il valore di trasmittanza dei nuovi infissi, tale da rispettare il valore di trasmittanza limite riportato in tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010.

serramenti-alluminioIn mancanza di essa, è necessario che il produttore dell’infisso, mediante certificazione, garantisca che il prodotto rispetta gli stessi requisiti.

Detrazione infissi: novità aliquota 2018

infissi-legno-alluminio-4

Con la Legge di Bilancio 2018 è stata apportata una modifica all’aliquota applicata in caso di sostituzione degli infissi.

La percentuale di detrazione è infatti passata dal 65% al 50%.

Detrazione infissi: importo

infissi-montagna

Il costo complessivo sostenuto per l’acquisto ed installazione dei nuovi infissi, comprensivo delle opere murarie e le prestazioni professionali necessarie per completare il lavoro, può essere detratto entro il limite massimo di 60.000 euro.

Lo sconto fiscale consiste in una detrazione dall’Irpef ripartita in 10 quote annuali, con rate di identico importo.

Detrazioni infissi: invio documentazione ENEA

infissi-scorrevoli

Una volta terminati i lavori ed effettuati i pagamenti, occorre effettuare l’operazione di invio dei documenti all’ENEA, l’ente preposto a tale funzione.

Nell’articolo Enea ecobonus modulo compilazione si possono trovare tutti i chiarimenti del caso su come inserire correttamente i dati per godere della detrazione fiscale in occasione della dichiarazione dei redditi.


Vuoi essere aggiornato sulle ultime tendenze?

Accedi gratuitamente ai nostri video e guide sul fai da te, promozioni e sconti.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta