Detrazione porta blindata


Detrazione porta blindata. Quali sono gli incentivi fiscali. Bonus ristrutturazioni. Ecobonus. Bonus sicurezza. Come funziona. Modalità di pagamento. Documenti da conservare.

porta-blindata-sicurezza

La sicurezza di casa è un’esigenza sempre crescente negli ultimi anni: proteggere la propria incolumità e quella dei cari dall’intrusione di estranei è possibile con una serie di interventi mirati.

porta-blindata

Ad aiutare il cittadino nel sostenere le spese è intervenuto, nel corso degli anni, il Governo italiano con una serie di incentivi fiscali: la detrazione porta blindata, relativa ai costi sostenuti per l’acquisto e la sua posa è uno di questi.

Vediamo come funziona.


Detrazione porta blindata: incentivi fiscali

porta-blindata-catenaccio

Non tutti sanno forse che acquistare una porta blindata a protezione di casa, è un costo che può essere ammortizzato negli anni grazie ad una serie di incentivi fiscali sotto forma di detrazioni al momento della dichiarazione dei redditi.

E nel caso specifico delle porte blindate sono ben 3, precisamente, bonus ristrutturazioni, Ecobonus e bonus sicurezza.

Bonus ristrutturazioni

porta-blindata-design

Quando si sta procedendo ad una ristrutturazione di casa, può essere un’opportunità interessante provvedere alla sostituzione della porta di ingresso con un modello blindato.

In questo caso si può usufruire del Bonus ristrutturazioni che permette una detrazione del 50% del costo sostenuto per l’acquisto e la posa.

Ecobonus

porta-blindata-ingresso

I modelli in commercio di porte blindate, ove indicato, possono garantire anche una miglior efficienza sotto il punto di vista energetico.

Ecco che allora si può richiedere l’ecobonus con aliquota 50%, detraendo così la metà della spesa sostenuta.

Bonus sicurezza

porta-blindata-appartamento-esternaTra le soluzioni che permettono di proteggere maggiormente l’incolumità in casa, la porta blindata è decisamente uno degli elementi fondamentali.

Per il suo acquisto e successiva posa, si può usufruire del bonus sicurezza, trattandosi di opera ad hoc.

In tale caso, la detrazione 50% è ammessa fino ad un massimo di € 96.000 di costi sostenuti, calcolati conteggiando anche altre eventuali opere di ristrutturazione.

Detrazioni porta blindata: come funziona

porta-blindata-3

In tutti e tre i casi sopra descritti, l’importo viene portato in detrazione al momento della dichiarazione dei redditi, diviso in 10 rate annuali di pari importo, a partire dall’anno successivo rispetto all’effettuazione dei lavori.

soldi-banconoteL’importo viene portato in detrazione fino a capienza IRPEF. Pertanto se un contribuente, per esempio, avesse una capienza pari ad € 8.500 a fronte di una rata annuale di € 9.600 per lavori realizzati, otterrebbe un rimborso massimo pari appunto a € 8.500.

Detrazione porta blindata: modalità di pagamento

porta-blindata-moderna

Il pagamento deve essere effettuato mediante bonifico parlante postale o bancario, sul quale risultano:

  • causale del versamento, con riferimento alla norma (articolo 16-bis del Dpr 917/1986),
  • codice fiscale del beneficiario della detrazione,
  • codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento.

Detrazione porta blindata: documenti da conservare

porta-blindata-ingresso

Una volta effettuati gli acquisti ed i conseguenti pagamenti, occorre aver cura della documentazione da presentare al professionista abilitato od al CAF in sede di dichiarazione dei redditi.

Più precisamente serve conservare:

  • ricevuta del bonifico,
  • documentazione di addebito sul conto corrente,
  • fatture di acquisto dei beni, riportanti la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi acquisiti.
Davide Bernasconi
  • Redattore specializzato in Design
  • Scrittore e Blogger

Google News

Vuoi essere aggiornato sulle ultime tendenze?

Accedi gratuitamente ai nostri video e guide sul fai da te, promozioni e sconti.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta