Bonus stufe e caminetti 2020: come funziona

Come usufruire delle detrazioni sul risparmio energetico (50%) in caso di acquisto di caminetti e stufe. la possibilità dell’ecobonus e della ristrutturazione. Documenti necessari, come funziona l’agevolazione fiscale.

caminetto

La Legge di Stabilità ha confermato anche per l’anno solare 2020 la possibilità di approfittare di detrazioni fiscali in merito all’acquisto e posa di stufe e caminetti. Di seguito andremo ad indicare quali sono gli specifici requisiti da rispettare.

Sono due le possibilità per poter godere del bonus fiscale:

  1. ristrutturazione edilizia
  2. riqualificazione energetica

Detrazione per caminetti e stufe per ristrutturazione edilizia

caminetto-2

L’installazione di caminetti o stufe prevede la possibilità della detrazione del 50%, fino ad un massimo di €96000, distribuita in quote annuali di pari importo  per 10 anni, nel caso di acquisto e posa di un caminetto o stufa se viene effettuato nell’ambito di un progetto di ristrutturazione edilizia.

L’installazione deve riguardare un caminetto od una stufa con un rendimento non inferiore al 70%, parametro che viene attestato dall’installatore mediante documento scritto, consegnato al termine dei lavori.


Leggi anche: Stufe a legna: consigli per gli acquisti

La detrazione sul risparmio energetico è consentita soltanto per:

  • immobili già iscritti al Catasto
  • immobili con pratica di iscrizione in corso

Non è dunque possibile ricorrere alla detrazione del 50% per quanto concerne le installazioni di caminetti e stufe presso edifici di nuova costruzione.

Detrazione per caminetti e stufe per riqualificazione energetica

stufa-gas-10

Si ha diritto all’agevolazione fiscale anche nel caso di interventi di riqualificazione energetica, ovvero senza aver avviato un’operazione di ristrutturazione edile.

generatori, per beneficiare della detrazione, devono soddisfare appositi requisiti:

  • Rendimento nominale non inferiore all’85%
  • Osservanza delle normative locali per generatori e biomasse
  • Conformità alle classi A1 e A2 delle norme UNI EN 14961-2 per quanto riguarda il pellet e le UNI EN 14961-4 in merito al cippato.

Le spese sostenute per:

  • acquisto
  • sostituzione totale o parziale
  • posa in opera di prodotti e impianti a biomassa per il riscaldamento

possono godere della detrazione fiscale 50%, fino ad un massimo di €30000, con una ripartizione in 10 quote annuali di pari importo.

Con un esempio possiamo chiarire meglio. Ammettiamo di aver speso €10000 complessivamente per l’acquisto e posa della stufa.

Il contribuente potrà portare ogni anno in detrazione €500 per 10 anni (€5.000 è il 50% di €10.000, ripartito in 10 quote uguali diventa €5.000:10=€500).

Detrazione caminetti e stufe: come fare

stufa-gas-3

Per poter beneficiare della detrazione del 50% sull’installazione di un caminetto o di una stufa, è importante prestare la massima attenzione alla documentazione necessaria, da richiedere all’azienda che esegue i lavori e da conservare con cura.

Per quanto riguarda la modalità per i pagamenti utili ad usufruire delle detrazioni, esiste una distinzione:


Potrebbe interessarti: Stufe a pellet: i modelli salvaspazio in commercio

  • chi non è titolare di reddito di impresa deve effettuare il pagamento delle spese sostenute mediante bonifico bancario o postale, cosiddetto parlante;
  • chi è titolare di reddito di impresa è esonerato dall’obbligo di pagamento mediante bonifico parlante. In questo caso, dovrà fornire altro tipo di documentazione idonea, come ricevuta del pagamento con bancomat o carta di credito.

In ogni caso, qualunque sia il metodo di pagamento, devono risultare chiare le seguenti informazioni:

  • causale del versamento, con riferimento alla norma (articolo 16-bis del Dpr 917/1986)
  • codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento
  • numero e data della fattura
Davide Bernasconi
  • Laurea in Economia e Commercio, indirizzo Internazionale
  • Autore specializzato di design e arredo d'interni
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, novità ed occasioni riguardo il mondo del design. Aggiornati dal primo sito in Italia in tema di design.