Bonus impianto elettrico 2022: come fare, requisiti, permessi

Davide Bernasconi
  • Dott. in Economia e Commercio

Detrazione impianto elettrico 2022. Quali le opere ammesse. Aliquote fiscali in vigore. Modalità di pagamento. Beneficiari. Certificazione dell’impianto.

Bonus impianto elettrico 2022: come fare, requisiti,

Uno fai i lavori più importanti e fondamentali da svolgere quando si opera la ristrutturazione di casa o si procede all’acquisto di una vecchia abitazione, è verificare di avere l’impianto elettrico a norma, condizione vitale per la sicurezza di chi risiede.

Ad aiutare il contribuente esiste la possibilità da alcuni anni, ed anche nel 2022 , di detrarre le spese per la realizzazione impianto elettrico. 

In questo modo si può garantire la sicurezza domestica senza dover pesare troppo sul budget per sistemare e rinnovare l’immobile in cui si desidera vivere.

Bonus impianto elettrico 2022: quali opere

impianto-elettrico-casa

Rifare l’impianto elettrico è un’operazione facente parte della tipologia di lavori considerati opera di manutenzione straordinaria.

Dunque i costi sostenute dal contribuente, purché venga rispettata una serie di requisiti, possono essere portati in detrazione.

Bonus impianto elettrico 2022: aliquote

L’agevolazione fiscale concessa a chi effettua lavori di rifacimento dell’impianto elettrico consiste nella detrazione IRPEF del 50% del costo sostenuto fino ad un massimo di €96.000 di importo totale.

Leggi anche Impianto elettrico

In sostanza si può detrarre in dichiarazione fino ad un massimo di €48.000 (50% di 96.000).

La detrazione viene effettuata in 10 rate annuali di pari importo.

L’aliquota 50% è in vigore fino al 31 dicembre 2022.

Bonus impianto elettrico 2022: modalità di pagamento

circuito-elettrico-casa

Requisito importante è che i pagamenti vengano effettuati mediante un bonifico parlante, postale o bancario, sul quale risultano:

  • causale del versamento, con riferimento alla norma (articolo 16-bis del Dpr 917/1986)
  • codice fiscale del beneficiario della detrazione
  • codice fiscale o numero di partita Iva del beneficiario del pagamento
  • estremi della fattura, numero e data

Non è assolutamente consentito il pagamento in contanti: tale modalità non consentirà di beneficiare del bonus. Presso gli istituti bancari è possibile farsi consegnare moduli pre-compilati che indicano la dicitura completa ed idonea, altrimenti ci si indicare la seguente formula:

Lavori edilizi (articolo 16-bis del Dpr 917/1986) – Pagamento fattura n. XXX del XXX a favore di XXX partita Iva XXX, Codice fiscale beneficiario detrazione XXX.

Bonus impianto elettrico 2022: beneficiari

impianto-elettrico-casa-prezzo

Innanzitutto è importante affermare che i lavori di ristrutturazione e le relative detrazioni, possono riguardare in maniera indistinta prima casa, seconda casa, etc.

Ad essere ammessi al beneficio fiscale della detrazione sono le seguenti categorie di soggetti:

  • proprietari o nudi proprietari;
  • titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • locatari (affittuari) o comodatari;
  • soci di cooperative divise e indivise;
  • imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali (investimenti che l’azienda utilizza per il suo funzionamento) o merce;
  • soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

Qualora sia stato stipulato un contratto di preliminare di vendita (compromesso), l’acquirente può effettuare i lavori e godere successivamente del bonus se:

Potrebbe interessarti Impianto elettrico a vista

  • è nel possesso dell’immobile
  • i lavori di ristrutturazione sono svolti a suo carico
  • il compromesso è stato regolarmente registrato.

Bonus impianto elettrico 2022: certificazione

impianto-elettrico-disegno

L’impianto elettrico deve rispettare la norma CEI 64-8,  la quale indica tutta una serie di parametri e vincoli da rispettare riguardanti il progetto, la messa in opera e la verifica degli impianti elettrici.

La certificazione, effettuata da un professionista abilitato, è necessaria per indicare che l’impianto non presenta difetti.

Ulteriori documenti che devono essere in possesso del proprietario dell’appartamento è il Certificato di conformità o la Dichiarazione di rispondenza dell’impianto alle normative.

La Dichiarazione di conformità (DiCo) è il documento obbligatorio che si deve aver in possesso nel momento in cui viene installato un nuovo impianto di tipo elettrico, idraulico, riscaldamento, cottura o evacuazione fumi (canna fumaria).

La Dichiarazione di rispondenza (DiRi) è invece il documento che viene redatto nel momento in cui viene a mancare, perchè inesistente od irreperibile il Certificato di conformità, nel caso quest’ultimo fosse inesistente.

Rifacimento impianto elettrico: serve permesso?

Quando si parla di lavori di ristrutturazione dell’appartamento di cui si dispone, sorge quasi immediatamente la domanda se sia necessaria una particolare richiesta o documentazione da presentare all’Ufficio Tecnico del Comune ove è sito l’immobile.

Il rifacimento dell’impianto elettrico non richiede alcun titolo in quanto trattasi di opera in edilizia libera e quindi senza alcuna necessità di chiedere permesso apposito per intervenire.

Dichiarazione ENEA: cosa fare

Il dubbio ci assale: è necessaria la dichiarazione ENEA una volta terminati i lavori di rifacimento dell’impianto elettrico?

La risposta è negativa: la comunicazione per questo tipo di lavori non è richiesta.