Un metodo innovativo nel riscaldamento: il pellet di canapa

Diversi sono i vantaggi del pellet di canapa, metodo canadese che si sta facendo larga anche in Europa. Ottimo per un risparmio energetico e dei conseguenti costi con più calore e impatto ambientale azzerato.

Un metodo innovativo nel riscaldamento, il pellet di canapa

Ci dividono ancora poche settimane dal periodo più freddo dell’anno e, se si pensa al caro bollette, i cittadini mostrano giuste preoccupazioni. Le soluzioni alternative sono invocate da più parti, azioni volte alla maggiore sostenibilità e anche ad un importante risparmio economico. La situazione e il sistema relativo al gas sono in continua evoluzione; tuttavia, le idee alternative si rincorrono per evitare maggiori esborsi da parte dei cittadini italiani: dai 104,99 centesimi al metro cubo di gas si è arrivati a 196, 25.

Anche il pellet non è stato esente da questi aumenti: se prima si portava a casa un sacco con 3/5€ adesso, per la stessa quantità, si dovranno pagare ben 13€. Cosa scegliere in alternativa? Il pellet di canapa rappresenta la soluzione ideale. Poco conosciuto, questo prodotto creato in un primo impianto di trasformazione canadese si sta espandendo anche in Europa.

Ma di che cosa si tratta nello specifico? Il pellet di canapa è il prodotto della lavorazione del gambo della canapa, utile a separare i materiali che sono presenti nel canapulo: fiori e semi saranno conservati, lasciati seccare e poi triturati e pressati senza resine. Vantaggi? Crescita rapida, maggiore calore, impatto ambientale quasi allo zero, utilizzato anche come fertilizzante.