Superbonus: chiarimenti sulla cessione del credito

Superbonus 110%: con la circolare dell’Agenzia delle Entrate, si chiarisce la responsabilità di chi acquista il credito. Differenze fra errori formali e sostanziali.

Superbonus: chiarimenti sulla cessione del credito
superbonus 110%: ultime novità

Il tanto atteso chiarimento i merito alla cessione del credito, che interessa al momento il superbonus 110% ed i vari bonus casa attualmente in vigore, è finalmente arrivato grazie alla circolare dell’Agenzia delle Entrate.

Con la circolare numero 33 del 2022 dovrebbero venire chiariti i dubbi, sbloccando definitivamente i termini che regolano la responsabilità degli acquirenti dei crediti d’imposta. In seguito al decreto Aiuti bis, era infatti necessario questo ulteriore tassello per sbloccare il mercato delle cessioni: ora, la nuova norma mette un limite al coinvolgimento dei cessionari, gravando su di essi solo in caso di ipotesi di dolo o colpa grave.

Ulteriore chiarimento determina che i correntisti a cui le banche venderanno i crediti d’imposta non avranno più l’obbligo di consegnare documentazione ulteriore rispetto a quella già in possesso degli istituti di credito.

Fra le altre tematiche, viene ricordata la pressante scadenza del prossimo 30 settembre, termine ultimo per le villette. Entro fine mese infatti, dovrà essere raggiunto il 30% del saldo dei lavori effettuati e del conseguente stato di avanzamento lavori. Coloro i quali avessero già provveduto a comunicare la cessione del credito, le ulteriori attestazioni saranno assorbite dal Sal certificato.

Per quanto riguarda la questione relativa alla correzione degli errori nelle comunicazioni già inviate alle Entrate riguardanti cessioni e sconti in fattura, qualora già accettate dai cessionari e dai fornitori, importante la nota dell’Agenzia.

Gli errori formali necessitano solo di una nota via Pec mentre gli errori sostanziali, essendo determinanti per il credito d’imposta, richiedono l’annullamento della comunicazione utilizzando un modello specifico da inviare via Pec.