Pantone lancia il colore della biodiversità a difesa dell’ambiente

Per Pantone il colore diventa atto di rivoluzione. Con il lancio di Color of Biodiversity,  lo scopo è quello di realizzare un tono ispirato alla biodiversità in collaborazione con TeaLeaves a sostegno della difesa dell’ecosistema. 

Pantone ha lanciato il colore della biodiversità a difesa dell’ambiente
Autore: aimeev83 / Pixabay

Secondo il Pantone Institute, anche la biodiversità ha un colore. Ebbene sì, la famosa azienda americana che ogni anno lancia il colore Pantone dell’anno che ispira designer in tutto il mondo, ha deciso che anche la biodiversità dovesse avere un colore, lanciando una tonalità a sostegno dell’ecosistema e della sua sopravvivenza.

Questa non è la prima volta che Pantone si batte per i diritti di persone e ambiente: anche perché, essendo una vera e propria istituzione, Pantone ha deciso di fare qualcosa in più realizzando un colore che fosse portatore di valori e concetti importanti.

Ogni anno l’istituto Pantone detta “legge” perché i suoi trend influenzano la moda, il make-up e il design dagli Anni 60? fino ad oggi e adesso, in collaborazione con TeaLeaves, ha voluto celebrare la biodiversità con il Color of Biodiversity.

Il colore scelto è un rosa brillante, scoperto in rocce sedimentarie marine di 1,1 miliardi di anni fa in Mauritania. Si tratta di fossili molecolari di clorofilla prodotti da antichi organismi fotosintetici di un oceano scomparso.

La nuance è nata in collaborazione tra Pantone e la nota azienda per la produzione di tè di alta qualità, Tealeaves. Lo scopo è quello di sensibilizzare le persone ed educarle alle conseguenze devastanti della perdita della biodiversità.

E se vi state chiedendo come applicare un colore del genere nelle nostre case, ecco alcuni suggerimenti:

  •  Il rosa sta bene in cucina abbinato a mobili di legno e tocchi dorati o argentati per dare luminosità
  • Oppure, in soggiorno, giocando sulle intensità
  • In camera da letto è da usare in tono delicato, magari nei tessuti di arredo
  • Nella zona living, la carta da parati diventa un’ottima alternativa
  • In bagno si può usare dalle pareti agli accessori per svecchiare un ambiente che non convince più.