Ora legale o solare, cosa fa risparmiare in bolletta

Ora legale o solare, cosa fa risparmiare in bolletta? Lasciare l’ora legale per tutto l’anno consentirebbe un grande risparmio sulla bolletta oltre ad un taglio di emissioni di anidride carbonica all’anno.

Ora legale o solare, cosa fa risparmiare in bolletta
Ora legale e ora solare

In Italia, come in altri Paesi dell’Unione europea, l’ora legale inizia l’ultima domenica di marzo e finisce l’ultima domenica di ottobre. Da tempo si discute sulla proposta di estendere l’ora legale tutto l’anno per contrastare il caro energia lanciata dalla Sima, Società Italiana di Medicina Ambientale.

Secondo le stime di Terna, la società che gestisce la rete di trasmissione dell’energia elettrica, nel 2022 l’ora legale potrebbe consentire un risparmio pari a 420 milioni di kilowattora nei sette mesi in cui sarà in vigore. La lancetta in avanti di un’ora, infatti, comporterebbe un’ora in più di luce naturale al giorno e limiterebbe l’utilizzo di luce artificiale.

Il Codacons ha lanciato un sondaggio secondo cui circa l’80% dei cittadini italiani è d’accordo sull’abolizione dell’ora solare e al ripristino perenne dell’ora legale. Secondo l’associazione dei consumatori, consentirebbe un risparmio che ammonta a 500 milioni di euro all’anno. Secondo il ministro Cingolani, invece, non ci sarebbero troppi vantaggi in quanto queste stime non tengono conto del maggior consumo di corrente di mattina che si verrebbe a creare con l’ora legale permanente.