Le stufe elettriche sono un ‘alternativa sostenibile al gas?

Rubino Anna
  • Giornalista
24/10/2022

Il problema dei riscaldamenti è ormai alle porte, un disagio che ci riguarda da vicino con l’avvicinarsi del freddo. La bella stagione è ormai terminata bisogna far fronte al risparmio della bolletta.

Le stufe elettriche sono un ‘alternativa sostenibile al gas?

Le stufe elettriche sono piccole e vengono utilizzate per riscaldare spazi ridotti come il bagno o una sala d’ufficio. Lo scopo di una stufa elettrica è quello di aumentare velocemente la temperatura anche quando la caldaia è spenta, ad esempio di mattina presto o la sera tardi.

L’ uso della stufa elettrica comporta un aumento dei costi della bolletta elettrica, poiché è un dispositivo abbastanza energivoro.

La stufa elettrica è un sistema di riscaldamento portatile che funziona collegandola alla presa. Il consumo di una stufa elettrica dipende dalla sua potenza. Di norma, questi apparecchi hanno una potenza compresa tra 2.000 e 3.000 watt. Se, per esempio, una stufa elettrica ha una potenza di 2.000 watt, questo significa che il suo consumo sarà di 2 kWh. Se la stufa rimane accesa per due ore, il suo consumo sarà di 4 kWh.

Una problematica da fronteggiare data la situazione attuale dovuta all’ aumento della bolletta. Attualmente le stufe elettriche sono un’ alternativa sostenibile al gas? Ponderando bene l’acquisto ed il consumo possono essere una soluzione alternativa e sostenibile al gas, in alcun casi vantaggiose.