In Italia arriva Impollinemesi, il primo eco-murales che purifica l’aria

Si chiama Impollinèmesi ed è il primo eco-murales multimediale d’Italia realizzato in Toscana, a Carrara, dallo street artist Zed1, con interventi sonori a cura del soundesigner Alessio Mosti e interventi scultorei di Silvia Scaringella. Ha una caratteristica unica: purifica l’aria dall’inquinamento prodotto.

In Italia arriva Impollinemesi, il primo eco-murales che purifica l'aria
Impollinemesi

Il murales Impollinemesi è un vero e proprio connubio di ambiente, arte urbana e tecnologia. Nato dall’associazione di promozione sociale A.p.s. Oltre, con la collaborazione e la curatela della no profit Yourban2030, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Carrara, con il patrocinio del Comune di Carrara, grazie al sostegno della Fondazione Marmo e alla consulenza scientifica dell’apicoltrice Martina Bigi, ha visto la collaborazione di tre artisti provenienti da tre mondi differenti.

Impollinemesi è l’opera d’arte che purifica l’aria grazie alla particolare pittura sostenibile in grado di assorbire 6,8 kg di CO2 in un solo mese di applicazione. Lo scopo è sensibilizzare il grande pubblico sull’obiettivo 15 della Agenda 2030 sul delicato ma complesso legame che unisce tutte le componenti biotiche e abiotiche di un territorio.

Il murales racconta l’amore visto attraverso gli occhi delle piante. Un cupido fa innamorare i fiori, trafiggendoli con delle frecce su cui a loro volta si posano le api. Cupido, però, non è una divinità, bensì l’umanità stessa – le nuove generazioni – nelle cui mani è il destino delle api e che può ancora decidere di arginare con un suo intervento consapevole lo spopolamento di questa specie preziosa per l’intero ecosistema,

spiega l’autore.

L’opera permette di inquadrare i QR code attraverso i quali i visitatori possono la “colonna sonora” delle api.