IKEA: lo sviluppo di imprese sociale con la collezione

Davide Bernasconi
  • Dott. in Economia e Commercio
23/07/2021

Le collezioni IKEA hanno come obbiettivo la diffusione delle culture provenienti da terre lontane e maggiormente disagiate.

IKEA: lo sviluppo di imprese sociale con la collezione

Sono anni ormai che Ikea pesa ad un design sociale, con una serie di collezioni merito della collaborazione con imprese appunto sociali di tutto il mondo. Nell’estate 2021 si chiama Lokalt, famiglia di tessili e di ceramiche opera di giovani creativi attivi in Giordania, in Thailandia, in India, realizzata a mano da piccole realtà locali. Maria O’Brian, creative leader di Ikea, spiega che:

Ho cercato dei designer che avessero uno stile contemporaneo, per dimostrare che l’artigianato non deve necessariamente essere tradizionale o antiquato. Può essere moderno e persino d’avanguardia.

In questo il risultato finale ha visto la realizzazione di una collezione eterogenea nei progetti senza dimenticare la cura dei dettagli, facendo attenzione a mettere in risalto i luoghi di provenienza.

Le intenzioni di Ikea sono di creare posti di lavori nelle aree del mondo maggiormente svantaggiate, al fine di facilitare l’arricchimento culturale, umano ed economico. Anche per la multinazionale è importante conoscere differente realtà, come ha aggiunto Maria O’Brian:

Impariamo molto sulle tecniche di lavorazione tradizionali, dice ancora , e sulle culture locali. E ci troviamo anche a riflettere sulle possibilità e sui limiti che dobbiamo considerare, dato che dietro a ogni punto cucito ci sono delle persone.