Chewing gum: anche masticato può tornare utile

Un team di giovani designer ha elaborato un progetto che propone di riciclare i chewing gum usati da trasformare in ruote da skateboard. L’idea, i vantaggi e i benefici per l’ambiente.

Chewing gum trasformati in ruote per lo skate
Ruote da skateboard

Chi non ha mai calpestato involontariamente un chewing gum usato e abbandonato sull’asfalto? Le strade sporche e invase dalle gomme da masticare sono un problema che riguarda tanto le città, quanto i piccoli centri.

Ma il danno maggiore non è quello d’immagine: un chewing gum abbandonato è un rifiuto che danneggia l’ambiente e che impiega almeno 5 anni per decomporsi.

Hugo Maupetit e Vivian Fischer sono due studenti di design che hanno deciso di elaborare un progetto davvero singolare, per far fronte al problema dei chewing gum scartati. Il team ha proposto di raccogliere grandi quantità di cicche usate, per trasformarle in… ruote per lo skateboard!

Il progetto Off The Street

Chewing gum trasformati in ruote per lo skate
Il pannello esposto nelle strade di Nantes

Il progetto pilota che i due hanno chiamato “Off The Street” è partito da Nantes, la città universitaria di Maupetit e Fischer. I due studenti hanno installato dei pannelli di raccolta in vari punti della città, sui quali ciascun residente potrà attaccare i chewing gum terminati senza più gettarli in strada.

Leggi anche Casa su due ruote

Le gomme raccolte sulle bacheche vengono poi ripulite, modellate e tinte con del colorante naturale, per essere nuovamente assemblate in ruote per lo skateboard.

Le gomme da masticare, infatti, sono realizzate con un una materia molto simile a quella utilizzata per produrre gli pneumatici; la presenza di polietilene e acetato di polivinile rendono la gomma duttile ma resistente, quindi perfetta per produrre oggetti di vario tipo.

I due giovani designer, intuendo le potenzialità di questo prodotto, hanno pensato di unire l’utile al dilettevole. Con il progetto Off The Street non solo ne beneficia l’ambiente, ma si dà vita a una filiera virtuosa che potrebbe avere ulteriori risvolti nella produzione di oggetti di gomma riciclati.

Per ora, però, gli skater ringraziano.