Bonus affitto docenti: trasferirsi qui costerà meno

Davide Bernasconi
  • Autore - Laurea in Economia e Commercio
02/09/2022

Arrivano nuovi contributi per i professori che si trasferiranno in un comune di montagna per lavorare. requisiti, quando parte, quando arrivano i soldi.

Bonus affitto docenti:

Per i docenti che dovranno trasferirsi in un altro comune per svolgere la professione di insegnante presso una scuola pubblica potranno usufruire di un bonus per alleggerire il peso degli affitti. Approvato nelle settimane scorse dal Consiglio dei Ministri come disegno di legge collegato alla legge di Bilancio 2022, ha come obbiettivo lo sviluppo e la valorizzazione delle zone montane.

Il bonus affitto non è altro che un’agevolazione in favore degli insegnanti che si trasferiranno in un comune di montagna. Inserito nel comma 5 articolo 8 del ddl montagna, si tratta di un sostegno economico per i docenti che prendono in locazione un immobile ad uso abitativo ai soli fini di svolgere il servizio.

Precisamente:

  • si rivolge agli insegnanti a tempo determinato in servizio nelle scuole di montagna di ogni ordine e grado
  • inizia a partire dall’anno 2023
  • deve trattarsi di un servizio prestato nelle scuole situate nei comuni montuosi
  • è un credito di imposta annuale pari al minor importo tra il 60% del canone annuo di locazione dell’immobile e la somma di €2.500.

Il bonus è valido anche per coloro i quali decideranno di acquistare un immobile; in tal caso sarà l’aver acceso un mutuo il fattore discriminante in quanto verrà calcolato sulle rate del mutuo del 2023.

Le risorse per quest’agevolazione ammontano a €10 milioni. Il bonus, in questo caso,  non è cumulabile con:

  • detrazioni sugli interessi passivi per mutui contratti per l’acquisto dell’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale nei comuni montani
  • altri bonus affitti.