Trasformare impianto elettrico in domotico

Come trasformare impianto elettrico in domotico, controllare simultaneamente in remoto tutti i dispositivi, rendere la tua casa davvero “smart”.

trasformare-impianto-elettrico-in-domotico-1

Vorresti rendere la tua casa “intelligente” trasformando l’impianto elettrico in domotico? È un’operazione plausibile se desideri controllare da remoto, in contemporanea, tutti gli apparecchi elettronici. Qualche esempio? Accendere o spegnere l’illuminazione dell’abitazione, abbassare o alzare le tapparelle, azionare l’impianto di riscaldamento.

Forse non sai che è possibile rinnovare l’impianto elettrico esistente, senza per questo dover spendere un capitale. Per portare a termine un simile intervento, basta rivolgerti ad un tecnico di fiducia. Sarà lui a provvedere all’installazione di tutti i componenti essenziali per far funzionare il tuo nuovo “impianto smart”.


Leggi anche: Domotica in giardino: irrigazione ed illuminazione smart

In questa nostra guida ti forniamo tutte le informazioni per procedere alla trasformazione di un impianto elettrico tradizionale in domotico, dai componenti necessari ai costi da sostenere.

Componenti impianto domotico

trasformare-impianto-elettrico-in-domotico-2

Automatizzare casa richiede l’installazione di alcuni componenti domotici. Ci riferiamo alla centralina, il vero cuore pulsante dell’impianto, la cui principale funzione è recepire i tuoi comandi. Indispensabili anche i sensori da distribuire nei locali: di luminosità, temperatura, umidità, rumore, fumo, fuga di gas ed altro ancora.

Ovunque sarai, grazie a questi dispositivi, saprai che cosa avviene nella tua abitazione. Infine abbiamo gli attuatori, una serie di periferiche in grado di compiere le azioni trasmesse dalla centralina.

Realizzare impianto domotico: cenni introduttivi

trasformare-impianto-elettrico-in-domotico-3

Per trasformare un impianto elettrico in domotico bisogna eseguire delle modifiche su quello esistente, installando tutti quei componenti necessari per monitorare i dispositivi connessi, come gli elettrodomestici presenti in casa.

Come anticipato, per effettuare la conversione occorre richiedere l’intervento di un tecnico specializzato che dovrà analizzare lo stato del tuo impianto elettrico. Si tratta di un’operazione preliminare, molto utile per descrivere i lavori da fare ed i costi da sostenere.

Come rendere smart impianto elettrico

trasformare-impianto-elettrico-in-domotico-4


Potrebbe interessarti: IKEA catalogo ufficio 2021: idee per lo smart working

Una volta che avrai ben chiaro gli interventi da eseguire, per trasformare il tuo impianto elettrico in domotico si procederà in differenti fasi. In dettaglio descriviamo le principali:

  • Sostituzione cavi ed attuazione tracce: il tecnico si occuperà della sfilatura dei cavi, sostituendoli con il tipo “bus”, capaci di connettere la centralina e gli altri componenti intelligenti. Nello specifico, si tratta di speciali cavi in grado di trasmettere le informazioni a tutti i sistemi smart distribuiti in casa. Se necessario, si potrà procedere ad interventi di muratura diretti a realizzare nuove tracce.
  • Collegamento dei componenti smart: montaggio dei componenti smart e connessione alla centralina. La comunicazione deve essere compatibile tra i dispositivi, anche se di differenti produttori. Per risolvere tale problematica, lo standard mondiale riconosciuto è “Konnex” (KNX). Verifica che i tuoi apparecchi riportino questa sigla.
  • Certificare l’impianto domotico: il tecnico ha l’obbligo di rilasciare un’apposita certificazione in cui si attesta che lo stesso rispetta tutti i requisiti di legge.

Impianto elettrico domotico schema normativa

trasformare-impianto-elettrico-in-domotico-6


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

La realizzazione degli impianti domotici, come per quelli elettrici, è necessaria sia conforme alla normativa CEI. Bisogna rispettare un corretto assetto dell’impianto elettrico, deve essere sicuro, garantire degli standard minimi prestazionali e di funzionalità. A tal fine sono previsti 3 livelli, inclusa la domotica. Nello specifico fa infatti riferimento al “Livello base” quando vengono rispettati i requisiti minimi obbligatori conformi alla norma CEI 64-8 (numero minimo di punti-prese o punti-luce, etc).

Il “livello standard” rispetto al precedente offre in più una serie di sistemi avanzati, un incremento delle dotazioni, come ad esempio l’aggiunta di servizi come il collegamento del videocitofono.

Infine si passa al “livello domotico”, il più tecnologicamente all’avanguardia, grazie a cui controllare contemporaneamente con un’unica centralina tutta una serie di componenti collegate. Si fa riferimento a dotazioni impiantistiche innovative, proprio come il “bus” in precedenza descritto, con l’aggiunta dei sistemi di antintrusione, gestione temperatura e luci, rilevazioni incendi, gas o allagamenti, controllo carichi, impianto di diffusione sonora ed altre funzioni domotiche. Nel “livello 3”, il sistema antintrusione ed il videocitofono sono obbligatori.

Impianto domotico vantaggi

trasformare-impianto-elettrico-in-domotico-7

Sono molteplici i vantaggi di trasformare il tuo impianto elettrico in domotico. Tra i punti di forza la maggiore facilità d’uso di tutti gli apparecchi elettronici in casa.

Il controllo in remoto rende possibili diversi scenari. Ciò significa che puoi programmare e automaticamente connetterti ai tuoi dispositivi per far loro compiere delle azioni. Sei fuori casa e desideri ad una certa ora che si abbassino le tapparelle e contemporaneamente si accenda il riscaldamento? Con la domotica puoi farlo. Scoprire chi suona al videocitofono, controllare se tutte le luci sono spente ed eventualmente chiuderle in remoto se le hai dimenticate aperte.

Un altro punto a favore dell’impianto domotico è fruire di un notevole risparmio energetico. In ogni istante puoi verificare in tempo reale i consumi elettrici, modificando le tue abitudini e intervenendo con intelligenza per ridurre gli sprechi.

Impianto domotico prezzi

trasformare-impianto-elettrico-in-domotico-8

Se stai ristrutturando casa puoi prendere in considerazione di installare un impianto domotico. I costi sono superiori ad uno tradizionale ma la differenza non è poi così marcata. In generale il costo dipende da una moltitudine di variabili: materiali, qualità componenti, spese d’installazione, certificazione. Per farti un’idea, per un’abitazione di circa 80 mq, la spesa per l’impianto elettrico, i collegamenti ed i componenti domotici potrà variare tra i 5mila ed i 9mila euro. Naturalmente in ogni zona vengono applicati prezzi differenti, ecco perché il nostro consiglio è richiedere più preventivi.

Impianto domotico: foto e immagini

Di seguito una completa galleria di immagini per descrivere visivamente come trasformare un impianto elettrico in domotico, i vantaggi e le principali caratteristiche.

 

Alessandro Mancuso
  • Ragioniere, Programmatore
  • Autore specializzato in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, novità ed occasioni riguardo il mondo del design. Aggiornati dal primo sito in Italia in tema di design.