Il surface design o design tattile di Laurameroni Design


durini_3

Il termine, coniato dalla rivista italiana ‘Interni’, identifica i prodotti di Laurameroni che reinventano le superfici.

‘Surface design’ è il neologismo che descrive la caratteristica distintiva dell’arredo di Laurameroni Design: forme semplici e lineari trattate da una raffinata lavorazione delle superfici.

I mobili del marchio sono realizzati attraverso la collaborazione tra architetti e artigiani per raggiungere la massima attenzione nel dettaglio.

Design raffinato e scelta oculata dei materiali: vengono utilizzati il legno massello come materia prima insieme a legni preziosi come palissandro, teak, noce, wenge, acero, ciliegio e rovere.

Il suface design di LAURAMERONI_01

Il vetro, il metallo, tessuti, laccature, pelli pieno fiore tinte in botte, multistrato, impiallacci di forte spessore e listellare.

Acciaio inox, ottone naturale, rame brunito e rame spazzolato conferiscono luce e matericità ai prodotti, interamente finiti a cera.

Arredi di alto artigianato e di design che superano i limiti della produzione industriale rivolgendosi a clienti che cercano un arredamento differente e unico.

L’attenzione al trattamento delle superfici si esprime in collezioni come la ‘Graffiti’, la ‘Intarsia’ e la ‘Sculture’ che, già dal nome, evocano sensazioni tattili.

Suface-design.38.jpg

Il surface design caratterizza, tra i prodotti, la porta ‘Lettera’ dalle decorazioni grafiche in rilievo e la porta ‘Onda’ dalle sporgenze ondulate che creano un gioco di luci e ombre, entrambe progettate da Paolo Rizzatto su idea grafica di Italo Lupi.

Molte porte, decorate con disegni e legni differenti, permettono di creare ogni volta un prodotto personalizzato e spazi architettonici e decorativi diversificati.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta