Ikea novità 2022: catalogo e pezzi di ricambio

Ikea e la sua scelta ecosostenibile: sparisce il catalogo cartaceo dal 2022 e inizia la vendita di pezzi di ricambio. Non più mobili usa e getta, ma un arredamento sostenibile in grado di essere utilizzato, potenzialmente, per sempre.

ikea-catalogo-cartaceo

Ikea ha iniziato il suo processo di trasformazione verso la completa ecosostenibilità ormai da tempo. L’azienda svedese, infatti, non ha mai fatto mistero del suo progetto di diventare una realtà 100% sostenibile. Attenzione per i materiali utilizzati, mobili prodotti in maniera ecosostenibile e senza dispersione di forze ed energia, legno proveniente da foreste gestite consapevolmente, grande attenzione per gli imballaggi, uso di plastica al minimo e una tendenza, oggi conclamata, ad andare verso sempre un minor uso della carta e un maggior riutilizzo dei materiali, per ridurre di molto il carico di rifiuti che gravano sull’ambiente.


Leggi anche: Mobili Bagno IKEA: idee e soluzioni low cost

Gli ultimi eventi mondiali, l’emergenza dettata dal Covid-19, hanno imposto di ripensare anche il modello classico di pubblicità basato sulla produzione di cataloghi cartacei, volantini, brochure.

divano-letto-ikea-1

Ikea e il modello di vita sostenibile entro il 2030

In cosa consiste la scelta ambientalista di Ikea? Sul sito ufficiale dell’azienda svedese sono presenti le linee guida a uso e consumo dei clienti per vivere una vita sostenibile e nel massimo rispetto per l’ambiente. Consapevoli della quantità di rifiuti tossici per il nostro pianeta prodotti dal settore dell’arredamento, tra sfruttamento di materiali naturali come legno, realizzazione di prodotti in plastica, sprechi di energia a causa di elettrodomestici di classe energetica non adeguata e, infine, di imballaggi non riciclabili, Ikea si è votata a un modello di vita sostenibile e per un target di pubblico attento alla salvaguardia dell’ambiente.

divano-letto-ikea

Entro il 2030 l’azienda ha l’obiettivo di arrivare a una produzione solo con materiali riciclati e riciclabili, per farlo Ikea ha messo in campo diverse campagne.

Ad esempio, la rivalutazione di mobili IKEA usati con cui l’azienda consente a chiunque possieda un mobile IKEA in buone condizioni ma di cui si è stancato, di ottenere un buono per l’acquisto di arredamento nuovo, semplicemente facendo una valutazione del mobile online.

Non è la sola iniziativa, questa: una di quelle su cui l’azienda punta di più è aiutare i suoi clienti a riparare i vecchi mobili IKEA invece di buttarli. Ecco, allora, che arrivano i pezzi di ricambio IKEA.


Potrebbe interessarti: IKEA catalogo 2021: le novità in camera da letto

tende-ikea

Ikea venderà i pezzi di ricambio

Quando un mobile IKEA si rompe che altro si può fare, se non liberarsene e comprarne uno nuovo? È stato così fino a oggi. Infatti, se si rompe il piede di un divano, non è possibile acquistare il singolo pezzo, ma si è costretti a sostituire l’intero mobile. IKEA ha annunciato che gli sprechi di questo tipo, dal 2022, ma probabilmente già nel corso del 2021, termineranno. Come? Inizieranno a essere venduti i pezzi di ricambio: piedi, braccioli, piani oltre che tutti gli accessori per il montaggio, tra cui viti e bulloni.


Vuoi consigli di design su come arredare? Iscriviti al gruppo

È un’idea rivoluzionaria per l’azienda di arredamento svedese, che dà un’impronta tutta votata al riutilizzo al suo ciclo di vendita e produzione. Non più mobili usa e getta, dunque, ma che potranno essere riparati e con una spesa inferiore alla media dei mobili in commercio attualmente.

La svolta ambientalista di IKEA, però, non si ferma qui. Sotto i riflettori il catalogo, soprattutto quello cartaceo, che è diventato nel corso degli anni quasi un simbolo per l’azienda. Ebbene, anche il catalogo va in pensione.

tavolo-da-pranzo-rotondo-ikea

Per 70 anni, IKEA ha raccolto i suoi prodotti migliori dell’anno, i prezzi, le offerte, le idee di arredamento più affascinanti, nel suo catalogo, disponibile in cartaceo, la versione più famosa, ma anche digitale, per la consultazione sul sito. Dal 2022, però, il catalogo scompare: non soltanto quello cartaceo, ma anche quello digitale.

L’azienda non lo produrrà più, prima di tutto per evitare inutili sprechi di carta: quanti cataloghi cartacei abbiamo cestinato quasi senza sfogliarli? Tantissimi. La seconda ragione è imposta dall’emergenza Covid-19 che stiamo vivendo da oltre un anno. Un catalogo cartaceo è un mezzo di trasmissione del virus, non può essere igienizzato a dovere, ecco perché IKEA ha deciso di ritirarlo.

Mancherà anche il catalogo digitale che, ovviamente, non sarà prodotto in quanto sarebbe una spesa inutile per l’azienda. Tutti i prodotti, infatti, saranno disponibili sul sito, con i prezzi, le offerte migliori, le combinazioni, le idee arredo e sulla nuova app. Insomma, un modo di vivere l’esperienza di acquisto IKEA che punta sempre più al digitale e sempre meno ai canali convenzionali, forti anche del target principale per l’azienda, fatto di giovani soprattutto, attenti all’ambiente e propensi più a usare le tecnologie moderne digitali che i vecchi e ormai desueti canali pubblicitari.

ikea-nuova-collezione-ljuvare-8

Ikea: arriva il primo negozio circular hub

Freschissima la novità che anche in Italia verrà inaugurato il primo circular hub, ovvero un progetto pilota che vedrà, accanto al più tradizionale Angolo delle occasioni, un laboratorio della circolarità, ovvero un luogo che ha come intento quello di prolungare la vita dei mobili made in Ikea.

Si tratta sostanzialmente di un luogo, all’interno degli stores, dove poter trovare una più ampia selezione di mobili usati oltre ad una nuova area Learn&Share, in cui si cercherà di creare una maggior interazione possibile con la clientela.

Sarà possibile per il pubblico vedere come Ikea procede alle varie fasi per dare una seconda vita ai mobili, dal loro ingresso nello stores fino alla fase finale di recupero delle diverse componenti.

Sarà il negozio di Milano San Giuliano a dare il via al progetto di Circular Hub.

Ikea novità 2022: immagini e foto

IKEA continua a essere in prima linea per il rispetto dell’ambiente e la propensione a una vita sempre più sostenibile, ecco allora che va in pensione il suo famoso catalogo cartaceo e arrivano, invece, i pezzi di ricambio. Il cambiamento giungerà entro il 2022.

 

Angelica Moranelli
  • Laurea in Lettere e diploma triennale post-laurea in archeologia
  • Master in Comunicazione e organizzazione degli Eventi
  • Copywriting, Social Media Marketing, Editing e correzione bozze
  • Autore specializzato in Lifestyle, Casa, Arredamento
Suggerisci una modifica